USA: “THC non si collega scientificamente alla guida alterata”

Nel Michigan una Commissione di sicurezza sulla guida chiede allo stato di non impostare un limite di THC per i conducenti.

Il governatore Rick Snyder ha nominato la Commissione per la sicurezza delle disabilità. È composta da sei membri responsabili della valutazione scientifica degli effetti del THC sulla guida di veicoli. E’ composta da pazienti in cura con la cannabis, esperti di giurisprudenza, un tossicologo forense, un farmacologo della cannabis ed un esperto di sicurezza del traffico.

Tra i suoi scopi la commissione deve analizzare un’indagine preesistente che collega la cannabis alla guida. Questa indagine ha condotto i propri test sui flussi stradali insieme alla polizia dello stato del Michigan.

I risultati di questa indagine hanno mostrato la debole correlazione tra il contenuto corporeo di THC e il deterioramento della guida. Il rapporto crede e mette sotto i riflettori, che a causa della rapida eliminazione del contenuto corporeo del THC, i suoi livelli possono essere significativamente inferiori al momento dell’analisi del sangue. Ciò sottostimerebbe la quantità di contenuto corporeo di THC nel momento in cui la persona guida.

Lo stesso rapporto della commissione suggerisce anche che “la politica di” non tolleranza “nello stato del Michigan, che comporta un deterioramento del livello di rilevamento, ≥1ng / ml, può erroneamente concludere che una persona sia alterata”.

Un dato rivelatore del rapporto

La commissione rileva inoltre che i consumatori abituali di cannabis hanno bisogno di un contenuto corporeo più elevato di THC o di tetraidrocannabinolo per ottenere l’effetto desiderato. In caso contrario, un limite imposto dallo stato per i conducenti con THC potrebbe non rispecchiare con precisione il livello di influenza sul conducente. Un altro studio stava già parlando di questo argomento.

Per ridurre il deterioramento della guida del conducente, la Commissione raccomanda ulteriori indagini. Inoltre viene chiesta più formazione supplementare per far rispettare la legge, insieme ad una maggiore educazione pubblica.

Da qui puoi accedere al rapporto completo.

Trovi interessante questa notizia?
1K Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *