Thailandia: Proposta l’autocoltivazione di 6 piante ad uso medico

In Thailandia la cannabis ad uso medico è stata legalizzata non più di un anno fa. Ora propongono, in aggiunta, una misura che legalizzerebbe la coltivazione personale di fino a sei piante di cannabis ad uso medico in casa.

Alla ricerca sulla cannabis e alla legalizzazione del suo uso medicinale di quasi un anno fa, la coltivazione di cannabis domestica sarebbe risultata mancante. Ciò deriva dalle notizie che arrivano dalla stampa del paese. Il governo della coalizione avrebbe proposto dunque un disegno di legge che consentirebbe ai cittadini la coltivazione personale e domestica di una quantità limitata di cannabis.

Il consumo ricreativo di cannabis è fortemente punito

Secondo la Central News Agency, secondo le attuali normative tailandesi sul controllo della droga, l’uso ricreativo della cannabis è tuttora severamente punito. La legge attuale rinchiude i consumatori ricreativi in ​​carcere per un massimo di dieci anni, oltre a essere multati.

L’alto funzionario del Partito Bumjaithai , Supachai Jaisamut, ha dichiarato che il disegno di legge consentirebbe la coltivazione di sei piante in casa; The Pride Thai Party è la terza formazione politica del governo thailandese ed è quella che detiene il portafoglio ministeriale della sanità.

Coltivazione artigianale di cannabis ad uso medico

Il politico ha detto alla Central News Agency “in linea di principio è per uso medicinale. Puoi curare la malattia a casa tua, ma non consumare per strada. ” 

Inoltre la bozza del progetto prevede anche la vendita di piante di cannabis a istituzioni autorizzate, sebbene sotto il controllo di un’agenzia specializzata; l’Istituto farmaceutico di origine vegetale proposto nel progetto sarebbe responsabile per l’acquisto, la produzione, la raffinazione e l’esportazione di cannabidiolo o CBD.

Ora il progetto presentato dovrebbe avere il pieno sostegno del governo. Successivamente, quando il parlamento thailandese verrà riaperto nel mese di novembre, la misura dovrebbe essere approvata.

Trovi interessante questa notizia?
2 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *