Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

Studio: Uso di cannabis nelle persone anziane associato a effetti positivi sul sonno

Secondo uno studio recentemente pubblicato, l’uso quotidiano di marijuana da parte degli anziani è associato a una migliore durata del sonno. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista  Cannabis ed è stato segnalato per la prima volta da NORML.

Per lo studio

intitolato  L’uso di cannabis è associato a un maggiore tempo di sonno totale negli adulti di mezza età con e senza HIV: un rapporto preliminare che utilizza tecnologie sanitarie digitali  – i ricercatori dell’Università della California a San Diego hanno esaminato la relazione tra l’uso quotidiano di cannabis e la qualità del sonno su un 14 -giorno in una coorte di anziani (dai 50 ai 70 anni) con e senza HIV. “I partecipanti indossavano orologi di actigrafia durante il periodo di studio per valutare oggettivamente la loro qualità del sonno”. Lo studio ha rilevato che il consumo di cannabis era associato, in media, a circa 30 minuti di aumento del tempo di sonno per sera.

Hanno concluso: “Nel nostro piccolo campione, i risultati hanno mostrato che l’uso di cannabis era associato a una maggiore durata del sonno. … sono necessari studi futuri con campioni di dimensioni maggiori che valutino l’uso di cannabis in modo più dettagliato per comprendere ulteriormente questa relazione. “

Il testo completo dello studio, “L’uso di cannabis è associato a un maggiore tempo di sonno totale negli adulti di mezza età con e senza HIV: un rapporto preliminare che utilizza le tecnologie sanitarie digitali”, appare nella rivista Cannabis.

L’abstract completo

L’attuale letteratura sull’effetto dell’uso di cannabis sulla qualità del sonno è mista e pochi studi hanno utilizzato misure del sonno misurate oggettivamente o campionamenti in tempo reale dell’uso di cannabis per esaminare questa relazione. La prevalenza del consumo di cannabis tra gli anziani e le persone che convivono con l’HIV è aumentata negli ultimi anni e anche in queste popolazioni è aumentata la scarsa qualità del sonno.

Tuttavia, mancano ricerche che esaminino le relazioni tra cannabis e sonno in queste popolazioni. Pertanto, abbiamo mirato a esaminare la relazione tra l’uso quotidiano di cannabis e la successiva qualità del sonno misurata oggettivamente negli adulti di mezza età e negli anziani con e senza HIV. In questo studio pilota, diciassette (11 HIV +, 6 HIV−) adulti di età compresa tra 50 e 70 anni che hanno consumato cannabis hanno completato quattro sondaggi giornalieri basati su smartphone per 14 giorni, in cui hanno segnalato il loro consumo di cannabis (sì / no) dall’ultimo sondaggio.

I partecipanti indossavano anche orologi di actigrafia durante il periodo di 14 giorni per valutare oggettivamente la qualità del sonno (cioè, efficienza, tempo di sonno totale e frammentazione del sonno). Nei modelli lineari a effetti misti, l’uso di cannabis era significativamente associato a un maggiore tempo di sonno totale successivo (β = 0,56; p = 0,046). L’uso di cannabis non era correlato a un cambiamento nell’efficienza del sonno (β = 1,50; p = 0,46) né alla frammentazione del sonno (β = 0,846, p = 0,756) nei giorni con consumo di cannabis rispetto ai giorni senza consumo di cannabis. Questi risultati preliminari indicano che l’uso di cannabis può avere un effetto positivo sulla durata del sonno negli adulti di mezza età e negli anziani.

Tuttavia, sono necessari studi futuri con campioni di dimensioni maggiori che valutino l’uso di cannabis in modo più dettagliato (p. Es., Via di somministrazione, dose, motivo dell’uso) per comprendere ulteriormente questa relazione.

 1,253 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
0

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!