Studio: Uso di cannabis associato a minor rischio di malattia epatica

Santander, Spagna: i soggetti con una storia di uso di cannabis hanno meno probabilità degli astenuti di sviluppare la steatosi epatica non alcolica (NAFLD), secondo i dati longitudinali pubblicati sulla rivista Progress in Neuro-Psychopharmacology and Biological Psychiatry.

Un gruppo di investigatori spagnoli ha valutato la relazione tra uso di cannabis e steatosi epatica per un periodo di tre anni. 

Hanno determinato che quei soggetti “che riferivano di continuare a usare cannabis erano a minor rischio di sviluppare NAFLD”.

Hanno concluso: “I nostri risultati suggeriscono che l’uso della cannabis potrebbe avere un effetto protettivo sulla steatosi epatica.

L’effetto benefico della cannabis a livello dello sviluppo della steatosi sembra essere secondario rispetto al suo effetto di modulazione sull’aumento di peso e sul ridotto sviluppo dell’obesità. … Questi risultati sono in linea con precedenti studi sulla popolazione generale, in cui la cannabis ha mostrato una prevalenza di NAFLD significativamente più bassa rispetto ai non utilizzatori. “

Ringraziamo NORML per la diffusione dello studio.

Trovi interessante questa notizia?
16 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *