36 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

Un nuovo studio pubblicato dalla rivista ACS Chemical Neuroscience si concentra sul potenziale dei terpeni della cannabis per nuove terapie in diverse aree della biomedicina.

Riepilogo dello studio

Lo studio si intitola ” Potenziale antinfiammatorio dei terpeni presenti nella cannabis sativa L. “

La cannabis sativa L. (C. sativa) contiene una varietà di cannabinoidi e terpeni (fito) di origine vegetale che si trovano principalmente nella cavità del tricoma della pianta. I terpeni, idrocarburi organici aromatici caratterizzati dal loro ruolo nella protezione delle piante / impollinazione, stanno richiamando l’attenzione sul loro potenziale come nuove terapie in molte aree della biomedicina.

Risultato immagini per terpenes cannabis

Questa visione esplorerà le recenti evidenti prove che i terpeni hanno una propensione antinfiammatoria / antiossidante concentrandosi sui meccanismi di segnalazione infiammatoria relativi alle malattie umane. Date le loro proprietà anti-infiammatorie, i terpeni possono contribuire agli effetti delle attuali terapie a base di cannabinoidi.

Autore: Eric J. Downer. Disciplina di Fisiologia, Facoltà di Medicina, Trinity Biomedical Sciences Institute, Trinity College di Dublino, Università di Dublino, Dublino, Irlanda. e pubblicato da   ACS Chemical Neuroscience

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/32091871

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!