Studio: L’uso di Cannabis aumenta la visione notturna

Se spesso senti dire che qualcuno vede meglio dopo aver usato cannabis, anche al buio, possiamo dirti che è normale, e che può essere vero. 

Alcuni anni fa un gruppo di ricercatori è stato in grado di vedere come alcuni pescatori del vicino Marocco avevano sviluppato il rituale di consumare l’hashish prima di andare a pescare di notte nelle loro barche. Secondo loro l’hanno fatto perché ha permesso loro di vedere meglio al buio in mare. La sorpresa degli scienziati che hanno sottoposto questi pescatori a diversi test di visione è stata capitalizzata. Non solo avevano ragione, ma più fumavano, migliori erano i risultati di quel test.

Tuttavia, nonostante questi risultati, non hanno trovato alcuna spiegazione possibile. 

Anni dopo, uno studio pubblicato dalla rivista eLife ha rivelato importanti dati al riguardo. 

Edward Ruthazer , neuroscienziato canadese, professore alla McGill University e autore principale dello studio, ha scoperto in studi con girini che i cannabinoidi della cannabis aumentavano la connessione tra il cervello e l’occhio. “Siamo un laboratorio che studia lo sviluppo dei circuiti cerebrali e usiamo i girini perché sono trasparenti, quindi possiamo osservare le cellule cerebrali di animali intatti e vedere come vengono rimodellate nel tempo e formare connessioni”

Il professor Ruthazer afferma che “è noto che i cannabinoidi sono importanti in alcuni aspetti dello sviluppo del cervello. La nostra intenzione era di osservarli nel nostro sistema per vedere e registrare i cambiamenti funzionali che si verificano nella loro connettività quando vengono introdotti . ” Conta anche come il risultato che si aspettavano di trovare, era vedere come diminuiva la funzionalità. Controllare che la cannabis rafforzasse la connessione tra il cervello e l’occhio è stata una sorpresa. Ha quindi concluso che la cannabis “rende l’occhio più sensibile agli stimoli visivi”.

Risposta a stimoli visivi

In breve, le cellule oculari hanno maggiori probabilità di rispondere agli stimoli visivi quando sono esposte ai cannabinoidi. Questo perché i cannababinoidi attivano il recettore dei cannabinoidi cerebrali (CB1R), che migliora la risposta delle cellule oculari che sono responsabili di avvisare il cervello di rilevare la luce esistente. L’aumento dei livelli di endocannabinoidi presenti negli animali riproduce l’effetto, mentre il blocco del recettore lo inibisce completamente.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per confermare davvero se i sistemi dei mammiferi reagiscono allo stesso modo, è senza dubbio un passo molto importante per capire come la cannabis influisce sulla funzione cerebrale. Il professor Ruthazer spiega che “i cannabinoidi sono in grado di controllare l’attività delle cellule cerebrali attraverso un’ampia gamma di meccanismi. Si potrebbe quasi dire che c’è un intero crogiolo di percorsi di segnali neurologici dentro di noi. “

Trovi interessante questa notizia?
350 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *