Studio: la cannabis riduce i pensieri suicidi e la depressione nelle persone con PTSD

L’uso di cannabis nelle persone che soffrono di PTSD è associato alla riduzione del tasso di depressione grave e pensieri suicidi. Ciò risulterebbe da un nuovo studio pubblicato sul Journal of Psychopharmacology.

Il titolo dello studio: l’uso della cannabis modifica l’effetto del disturbo da stress post-traumatico sulla depressione grave e sull’ideazione suicidaria? Prova di uno studio trasversale basato sulla popolazione dei canadesi.

Lo studio ha concluso che coloro che soffrono di PTSD e non usano la cannabis hanno circa sette volte più probabilità di soffrire di un recente episodio depressivo maggiore e 4,7 volte più probabilità di avere pensieri suicidi rispetto a quelli che hanno riconosciuto l’uso di cannabis.

Il riassunto completo dello studio:

Sfondo:

Il PTSD aumenta significativamente il rischio di depressione e suicidio. Le persone che vivono con PTSD usano spesso la cannabis per trattare i sintomi associati. Cerchiamo di indagare se l’uso della cannabis modifica l’associazione tra disturbo post-traumatico da stress e l’esperienza di un importante episodio depressivo o idea suicida.

Metodi:

Usiamo i dati del Canadian Health Health Survey 2012 – Mental Health, un’indagine trasversale rappresentativa nazionale dei canadesi non istituzionalizzati di età ⩾15. La relazione tra disturbo post-traumatico da stress e ogni risultato è stata modellata utilizzando una regressione logistica con un termine di interazione per cannabis e disturbo post-traumatico da stress, controllando le caratteristiche demografiche, la salute mentale e le comorbilità dell’uso di sostanze. La percentuale di odds ratio e il relativo rischio in eccesso dovuto all’interazione sono stati calcolati per misurare l’interazione rispettivamente nelle scale moltiplicativa e additiva.

Risultati:

Tra 24.089 intervistati ammissibili, 420 (1,7%) hanno riportato una diagnosi clinica attuale di disturbo post-traumatico da stress. In totale, 106 (28,2%) persone con disturbo da stress post-traumatico hanno riferito di aver usato cannabis nell’anno precedente, rispetto all’11,2% di quelli senza disturbo da stress post-traumatico (p <0,001). Nelle analisi multivariate, il disturbo post-traumatico da stress è stato significativamente associato a un recente episodio depressivo maggiore (odds ratio aggiustato = 7,18, intervallo di confidenza al 95%: 4,32-11,91). E con idee suicide (odds ratio aggiustato = 4,76, intervallo di confidenza al 95%: 2,39-9,47) tra i consumatori di cannabis. Il disturbo post-traumatico da stress non è stato associato a nessuno dei risultati tra gli intervistati che hanno usato cannabis (entrambi p> 0,05).

Conclusioni:

Questo studio fornisce prove epidemiologiche preliminari che l’uso di cannabis può contribuire a ridurre l’associazione tra disturbo post traumatico da stress e stati depressivi e suicidi gravi. C’è una necessità emergente di ricerca sperimentale di alta qualità sull’efficacia della cannabis / cannabinoidi per il trattamento dei disturbi post-traumatici da stress.

Trovi interessante questa notizia?
5K Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *