Secondo un nuovo studio pubblicato da Epilepsia Open , “la cannabis potrebbe effettivamente rappresentare un farmaco antiepilettico efficace e ben tollerato”.

“La Cannabidivarin (CBDV) e cannabidiolo (CBD) sono recentemente emersi tra i  cannabinoidi  per le loro potenziali proprietà antiepilettiche, come dimostrato in diversi modelli animali”, afferma l’abstract dello studio.

“Riportiamo il caso di un paziente affetto da epilessia parziale sintomatica che ha usato la cannabis (fitocomplesso) come automedicazione dopo il fallimento di innumerevoli trattamenti farmacologici / chirurgici.”




Valutazioni cliniche e video dell’elettroencefalogramma (EEG) sono stati eseguiti periodicamente e i livelli sierici di CBDV, CBD e Δ9-tetraidrocannabinolo sono stati ripetutamente misurati.

Dopo la somministrazione di cannabis “è stato osservato un drastico miglioramento clinico, in termini sia di diminuzione della frequenza delle crisi che di recupero delle funzioni cognitive, che potrebbe essere parallelo alle alte concentrazioni plasmatiche di CBDV”.

Per ampliare lo spettro dei possibili meccanismi di azione “sono stati applicati metodi elettrofisiologici per indagare se possa esercitare alcuni effetti sui recettori dell’acido γ-amminobutirrico (GABA) A  .”




Secondo lo studio “gli esperimenti hanno dimostrato che nei tessuti umani dell’ippocampo di quattro pazienti affetti da epilessia del lobo temporale resistente ai farmaci (TLE) trapiantata negli   ovociti di Xenopus , c’è una diminuzione del rundown corrente (cioè, riduzione della  corrente GABA A dipendente dall’uso ) dopo un’esposizione prolungata a CBDV. Questo risultato è stato confermato utilizzando un singolo caso di encefalite di Rasmussen (RE). ”

I ricercatori concludono affermando che “il miglioramento elettroclinico del nostro paziente supporta l’ipotesi che la cannabis possa effettivamente rappresentare un farmaco antiepilettico efficace e ben tollerato. Inoltre i dati sperimentali suggeriscono che il CBDV può contribuire notevolmente all’effetto anticonvulsivante della cannabis attraverso la sua possibile azione GABAergica. ”

Per lo studio completo, clicca qui .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!