Studio: il CBD può aiutare a trattare il disturbo da consumo di alcol

Il cannabidiolo sembra essere promettente come potenziale opzione di trattamento per il disturbo da consumo di alcol, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Alcoholism: Clinical and Experimental Research, e pubblicato online dal National Institute of Health degli Stati Uniti.

“C’è un interesse sostanziale nel potenziale terapeutico del cannabidiolo (CBD)”, inizia l’abstract dello studio. 

“L’obiettivo dell’attuale revisione sistematica è stato quello di caratterizzare la letteratura esistente su questo argomento e di valutare la credibilità del CBD come candidato per la terapia farmacologica per il disturbo da uso di alcol (AUD).”

“Utilizzando una strategia di ricerca completa sono stati identificati 303 potenziali articoli unici e 12 hanno infine soddisfatto i criteri di inclusione (8 utilizzando modelli di roditori, 3 utilizzando volontari adulti sani e 1 utilizzando colture cellulari)” . 

In entrambi i modelli di roditori e colture cellulari, “è stato scoperto che il CBD esercitava un effetto neuroprotettivo contro le conseguenze avverse dell’alcool nell’ippocampo” . 

Nei modelli di roditori,  “è stato trovato che il CBD attenua l’epatotossicità indotta dall’alcol, in particolare la steatosi indotta dall’alcol”.

Risultati dello studio

Infine “i risultati dei modelli preclinici sui roditori indicano anche che il CBD attenua la stimolazione e lo stress indotti dall’alcol, frena l’auto somministrazione di alcool riducendo il valore della risposta di ricompensa per l’azione condotta.

Negli studi sull’uomo “il CBD era ben tollerato e non interagiva con gli effetti soggettivi dell’alcool” . 

I ricercatori affermano che ” collettivamente, dati i suoi effetti favorevoli sui fenotipi di danno e dipendenza da alcol in modelli preclinici, il CBD sembra essere promettente come terapia farmacologica per AUD. Ciò è rafforzato dall’assenza di responsabilità per gli abusi e dalla loro tollerabilità generale “.

Conclusione dello studio

Lo studio conclude affermando che “Sono necessari studi preclinici e clinici sull’uomo per determinare se questi effetti positivi nei sistemi modello si possano tradurre sostanzialmente in esiti clinicamente rilevanti.”

Puoi trovare maggiori informazioni su questo studio cliccando qui  .

(Visited 215 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
267 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *