Studio: i cannabinoidi proteggono la barriera emato-encefalica in caso di emorragia intracerebrale

I cannabinoidi possono alleviare neuroinfiammazione e proteggere la barriera di cervello dal sangue dopo una emorragia intracerebrale, in base a un nuovo studio  pubblicato sulla rivista Brain Research.

“L’alterazione del sangue – encefalica (BBB) e l’ulteriore sviluppo di edema cerebrale è il più pericoloso per la vita dopo un’emorragia intracerebrale (ICH) con danno secondario , “ dice lo studio astratto. 

Risultati immagini per barriera ematoencefalica

“Questo studio indaga un possibile ruolo e meccanismo JWH133 di un tipo recettore cannabinoide 2 (CB2R) agonista [inteso per imitare gli effetti dei cannabinoidi naturali], nel proteggere l’integrità della barriera ematoencefalica dopo HIC” .

Secondo StrokeCenter.org, l’emorragia intracerebrale “si verifica quando un vaso sanguigno malato dentro le cervello scoppia, permettendo al sangue di penetrare nel cervello.”

Per lo studio 192 ratti Sprague-Dawley maschi adulti sono stati divisi casualmente in più gruppi che hanno ricevuto diversi livelli dell’agonista CB2 o del tutto assenti. 

Hanno scoperto che l’agonista “ha migliorato l’edema cerebrale, i deficit neurologici e danni alla barriera emato-encefalica, così come l’attivazione della microglia”, oltre ad altri cambiamenti positivi.

Lo studio conclude che “l’agonista CB2R allevia la neuroinfiammazione e protegge la permeabilità della barriera emato-encefalica in un modello ICH di ratto”.

Il testo completo dello studio può essere trovato  cliccando qui.

Trovi interessante questa notizia?
177 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *