Studio: gli estratti di cannabis ricchi di CBD presentano “un migliore profilo terapeutico” rispetto al CBD puro

Estratti ricchi di CBD che contengono almeno una piccola quantità di altri cannabinoidi “presentano un migliore profilo terapeutico” rispetto al solo CBD, secondo un nuovo studio pubblicato dalla rivista Frontiers in Neurology .

Lo studio, intitolato  Potenziali vantaggi clinici degli estratti di Cannabis ricchi di CBD rispetto al CBD purificato in epilessia resistente al trattamento , afferma che i benefici migliorati degli estratti di cannabis ad alto CBD rispetto al CBD puro “è probabilmente dovuto agli effetti sinergici del CBD con altri fitocomposti (noto anche come Effetto entourage) “.

Secondo l’abstract dello studio: “Questo documento di meta-analisi descrive l’analisi degli studi clinici osservazionali sul trattamento dell’epilessia refrattaria con prodotti a base di cannabidiolo (CBD). Oltre a tentare di stabilire la sicurezza e l’efficacia di tali prodotti, abbiamo anche studiato se ci sono prove sufficienti per ipotizzare differenze di efficacia tra gli estratti ricchi di CBD rispetto ai prodotti purificati di CBD. “

I ricercatori affermano che “la ricerca sistematica si è svolta a febbraio / 2017 e aggiornata a dicembre / 2017 utilizzando le parole chiave” epilessia “o” Dravet “o” Lennox-Gastaut “o” CDKL5 “in combinazione con” Cannabis “,” cannabinoide “,” ” cannabidiolo “o” CBD “risultante in 199 documenti. La valutazione qualitativa ha portato a 11 riferimenti validi “.

I dati categoriali di un totale di 670 pazienti sono stati analizzati mediante test di Fischer. La dose giornaliera media variava tra 1 e 50 mg / kg, con una durata del trattamento da 3 a 12 mesi (in media 6,2 mesi).

“Due terzi dei pazienti hanno riportato un miglioramento della frequenza delle convulsioni (399/622, 64%)”, afferma lo studio. 

“Ci sono state più segnalazioni di miglioramento da pazienti trattati con estratti ricchi di CBD (318/447, 71%) rispetto ai pazienti trattati con CBD purificato (81/223, 36%), con significato statistico.”

Tuttavia “quando veniva applicata la soglia clinica standard di una” riduzione del 50% o più nella frequenza delle convulsioni “, solo il 39% degli individui era considerato” rispondente “e non c’era differenza tra i trattamenti con estratti ricchi di CBD ( 97/255, 38%) e CBD purificato (94/223, 42%). “

I pazienti trattati con estratti ricchi di CBD hanno riportato una dose media inferiore (6,1 mg / kg / die) rispetto a quelli che utilizzano CBD purificata (27,1 mg / kg / die). “Le segnalazioni di effetti avversi lievi e gravi erano più frequenti nei prodotti contenenti CBD purificata rispetto agli estratti ricchi di CBD”.

Lo studio conclude che “Gli estratti ricchi di CBD sembrano presentare un profilo terapeutico migliore rispetto al CBD purificato, almeno in questa popolazione di pazienti con epilessia refrattaria. Le radici di questa differenza sono probabilmente dovute agli effetti sinergici della CBD con altri fitocomposti (noti anche come effetto Entourage), ma questo rimane da confermare in studi clinici controllati “.

Per il testo integrale di questo studio e le informazioni relative a chi lo ha condotto, fare clic qui .

Trovi interessante questa notizia?
127 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *