Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

Studio: CBG efficace nel trattamento della progressione del glioblastoma

Il cannabinoide cannabigerolo (CBG) è stato trovato da ricercatori in Slovenia efficace nel compromettere la progressione del glioblastoma – che è considerato il più aggressivo tra i tumori cerebrali primari – in uno studio sulla coltura cellulare pubblicato questo mese sulla rivista open source Cells . Lo studio è stato finanziato dalla società australiana di cannabis MGC Pharmaceuticals e condotto attraverso l’University Medical Center Ljubljana, Department of Neurosurgery.

La media di sopravvivenza globale dopo una diagnosi di glioblastoma è di soli 16 mesi.

I ricercatori hanno scoperto che CBD e CBG, sia da soli che in combinazione, hanno fermato la proliferazione delle cellule di glioblastoma, mentre una combinazione di CBG e THC “ha ridotto la vitalità di entrambi i tipi di cellule in misura simile”. Combinare il CBD con il CBG “era più efficiente che con il THC”, hanno scoperto i ricercatori, aggiungendo che CBG e CBD “inibivano l’invasione del glioblastoma in modo simile” al farmaco chemioterapico temozolomide.

“Questo è il primo rapporto che dimostra che il cannabinoide CBG non inebriante da solo e in combinazione con il CBD mira efficacemente a due elementi chiave che altrimenti impedirebbero il successo del trattamento dei pazienti GB con le attuali terapie: in primo luogo, per superare la resistenza delle [cellule staminali di glioblastoma] a agenti citotossici e per indurre l’apoptosi e, in secondo luogo, per inibire l’invasione delle cellule GB “. – Il cannabigerolo è un potenziale agente terapeutico in una nuova terapia combinata per il glioblastoma, cellule, 5 febbraio 2021

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che il CBG ha mostrato una maggiore efficacia nell’inibire le cellule di glioblastoma rispetto alla temozolomide, inibendo il 90% di alcune linee cellulari, rispetto al 50% inibito dal farmaco chemioterapico, ma tagliando il CBG utilizzato si è ridotta l’efficacia di altre linee cellulari al 50% , mentre la temozolomide è risultata efficace dal 40% al 60% sulla linea cellulare.

I ricercatori hanno notato che il CBG e il CBD aumentano anche l’appetito prevenendo alcuni effetti collaterali della chemioterapia.

 218 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
0

Lascia un commento

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!