22 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

La somministrazione regolare di farmaci a base di cannabis è direttamente associata a un miglioramento dei discorsi nei pazienti con sindrome di Tourette, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista International Journal of Molecular Sciences .

Per lo studio, i ricercatori della Medicina di Hannover(Germania) “riportano i casi di due giovani pazienti maschi tedeschi con sindrome di Tourette (TS) resistente al trattamento, che soffrono di incapacitanti disfunzioni discorsive simili a balbuzie causate da blocchi vocali e palilali”.




Nel caso 1, un paziente di 19 anni ha ricevuto la cannabis intera a una dose di 1 x 0,1 g al giorno. Nel caso 2, un “paziente di 16 anni ha inizialmente ricevuto dronabinol ad una dose massima di 22,4-33,6 mg al giorno”.

Secondo lo studio “I due trattamenti hanno fornito un miglioramento significativo dei sintomi di blocco vocale e delle condizioni comorbide e sono stati ben tollerati.”

I ricercatori hanno esaminato un notevole miglioramento non solo dei semplici e complessi motori e vocali, ma anche nella sintomatologia generale. Si è evidenziato un miglioramento significativo della qualità della vita dei pazienti, compresi i loro contatti sociali e le prestazioni a scuola senza effetti collaterali “.




Pertanto, lo studio conclude: “la medicina a base di cannabis sembra essere efficace nei pazienti TS resistenti al trattamento con tics bloccanti vocali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!