Studio: basse dosi di THC possono ristabilire l’alterazione cognitiva degli umani invecchiati

Secondo un importante studio pubblicato dalla rivista  Neurobiology of Aging  si è scoperto che le basse dosi di THC “possono fornire un trattamento sicuro ed efficace per il declino cognitivo degli umani anziani”.

“Questo studio è stato progettato per verificare la nostra ipotesi che una dose ultra-bassa di delta-9 tetraidrocannabinolo (THC) possa invertire i deficit cognitivi dipendenti dall’età in vecchi topi e permetta di esaminare i possibili meccanismi biologici che sottendono questo effetto comportamentale”.

“I vecchi topi femminili di 24 mesi ai quali erano stati iniettati una volta con 0,002 mg / kg di THC (3-4 ordini di grandezze inferiori alle dosi che inducono gli  effetti cannabinoidi convenzionali  nei topi) sono risultati significativamente migliori rispetto ai topi vecchi trattati con veicoli e sono stati eseguiti in modo simile a giovani topi di 2 mesi, in 6 diversi comportamenti che misurano vari aspetti della memoria e dell’apprendimento. “L’effetto benefico del THC è durato almeno 7 settimane.”

Lo studio afferma che “La singola iniezione di THC ha aumentato il livello di Sirtuin1, un enzima che è stato precedentemente dimostrato di essere coinvolto nella neuroprotezione e neuroplasticità, nell’ippocampo e nella corteccia frontale dei vecchi topi”.

Lo studio conclude affermando che “Questi risultati suggeriscono che dosi estremamente basse di THC che sono prive di qualsiasi effetto psicotrope e non inducono la desensibilizzazione possono fornire un trattamento sicuro ed efficace per il declino cognitivo nell’uomo invecchiato”.

Lo studio, pubblicato prima della stampa dall’Istituto Nazionale di Salute degli Stati Uniti, può essere trovato cliccando qui .

(Visited 570 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
181 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *