Stati Uniti: Previsioni per il Mercato della Cannabis nel 2019

Le opinioni sono espresse dai collaboratori di Green Entrepreneur.

Sono passati pochi mesi del 2019 e questo si sta rivelando un altro anno selvaggio per l’industria della cannabis. Più stati legalizzeranno la cannabis sia per uso medico che ricreativo negli Stati Uniti e la pressione aumenterà sul governo federale per seguirne l’esempio.

Ecco alcune tendenze del mercato da tenere d’occhio.

1. Big Pharma entra nel mercato della cannabis.

Nel 2018 diversi grandi marchi di alcol e tabacco hanno iniziato a coprire le perdite sulla vendite collaborando con compagnie di cannabis o iniziando le proprie incursioni nel settore. Altria, il produttore di Marlboro, ha investito $ 1,8 miliardi in Cronos Group. Constellation Brands, che produce birra Corona e dozzine di altri marchi, ha investito quasi $ 4 miliardi in Canopy Growth per fare una scommessa sulle bevande infuse con cannabis. Prendendo un approccio diverso Heineken ha sviluppato il proprio Hi-Fi Hops per bevande alla cannabis.

Quest’anno guardiamo alle aziende farmaceutiche. Si faranno investimenti strategici con l’invecchiamento della popolazione e l’aumento della domanda di prodotti CBD.
Pharma e cannabis hanno sinergie naturali. Le persone usano il CBD per lenire dozzine di condizioni: cancro, ansia, depressione, dolore cronico, morbo di Parkinson, glaucoma e la lista continua.

Con il CBD ora legale in 31 stati, prevediamo che inizieremo a vedere più aziende farmaceutiche che si avvicineranno alle compagnie di cannabis per le partnership strategiche. I recenti rapporti del settore mettono le dimensioni del mercato potenziale dei farmaci a base di cannabinoidi a $ 50 miliardi all’anno.

Novartis, la quarta più grande azienda farmaceutica del paese, ha aperto la strada nel 2018 collaborando con il coltivatore Tilray per sviluppare e commercializzare nuovi prodotti per la divisione Sandoz. Anche GW Pharmaceuticals ha avuto un momento decisivo quando la FDA ha approvato Epidiolex, un farmaco CBD utilizzato per trattare le crisi. Ciò conferisce legittimità non solo ai coltivatori di cannabis, ma anche ad altri produttori di farmaci che sono in attesa di introdurre sul mercato il primo farmaco campione di cannabinoidi.

2. Il micro dosaggio diventa un grande mercato.

A volte meno è meglio. Questo è certamente il caso quando si parla di micro-dosaggio, una tendenza che sta acquisendo un appeal più ampio. La pratica consente ai consumatori di sperimentare i benefici della cannabis senza gli effetti elevati che possono interferire con la routine quotidiana.

La microdosaturazione è generalmente popolare tra i consumatori più anziani, ma è anche un buon punto di ingresso per i nuovi consumatori di cannabis e coloro che desiderano muoversi verso uno stile di vita che incorpora un uso regolare. Con più consumatori in ogni categoria focalizzati sulla salute e sul benessere, le aziende sono state veloci nel supportarli con prodotti a base di cannabis che promuovono la responsabilità e la moderazione.

Considera che solo pochi anni fa i consumatori non riuscivano a trovare ceppi a basso dosaggio di THC – quelli tra l’8 e il 12 per cento – presso i dispensari. Adesso i ceppi a basso dosaggio sono considerati una categoria preziosa. Le mentine, i cioccolatini, il miele e il tè sono le offerte tipiche.

Le tinture sono un’altra area in rapida crescita dal momento che è possibile somministrarle in gocce a basso dosaggio. Secondo i nostri dati interni, le tinture sono una delle categorie in più rapida crescita nella piattaforma di mercato all’ingrosso basata sul Web, con un aumento del 438% rispetto all’anno precedente del numero di prodotti disponibili. Questa crescita continua quest’anno. A gennaio, sono stati aggiunti 78 prodotti di tintura unici nella piattaforma LeafLink – una media di 3,25 nuove tinture al giorno.

Aspettati un’espansione ampia ed entusiasmante di tutti i prodotti di questa categoria con una gamma di prodotti che offrano un’esperienza più soft.

3. Il CBD si distacca dalla cannabis.

Quest’anno il CBD prenderà le distanze dalla sua bella sorella.

Il CBD è un composto che si trova nelle piante di cannabis noto per le sue proprietà senza effetto psicoattivo. Grazie al Farm Bill del 2018, che ha rimosso i prodotti derivati ​​dalla canapa dalla lista dei primi narcotici, abbiamo già visto un notevole aumento della popolarità e dell’accessibilità dei prodotti CBD derivati ​​dalla cannabis con basso tenore di THC in tutto il paese ed in tutto il mondo.

Secondo il report 2017 della rivista Canapa di Votehemp, negli Stati Uniti gli agricoltori hanno coltivato solo 25.000 acri di canapa in tutta la nazione nel 2017 – si tratta delle dimensioni di Disney World. E di quel 70 percento è stato usato per produrre olio di CBD. Quindi c’è spazio per crescere.

4. Il commercio interstatale crea slancio.

Il governo federale proibisce il commercio interstatale di tutti i prodotti a base di cannabis a causa della sua classificazione come stupefacente. Ma in Oregon lo slancio si sta sviluppando attorno al commercio interstatale.

La sovrapproduzione dello stato nel 2018 ha fatto crollare i prezzi della cannabis del 40%. Nel frattempo c’è molta richiesta in altri stati dove la cannabis ricreativa e medica sono legali.

Ora la Craft Cannabis Alliance dell’Oregon sta sostenendo un piano, proposto per la prima volta nel 2017, che consentirebbe trasferimenti interstatali di prodotti a base di cannabis con stati legali adiacenti che rispettano specifiche regole di test, imballaggio e etichettatura, nonché regolamenti stabiliti dagli Stati partner.

Il disegno di legge originale è fermo però nello Stato. Ma l’Oregon’s Craft Cannabis Alliance crede che la prodezza dello stato nella produzione combinata con la crescente popolarità dello stabilimento forniscano un motivo per far dare una seconda occhiata ai legislatori statali. Il passaggio della misura potrebbe spianare la strada a un facile e immediato salto nel commercio interstatale una volta che i legislatori federali allenteranno le normative.

E mentre potrebbe richiedere del tempo al governo per legalizzare tutti i prodotti a base di cannabis, due senatori dell’Oregon hanno presentato petizioni alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti a gennaio per modernizzare “regolamenti obsoleti” che vietano ai prodotti alimentari contenenti CBD di attraversare le linee di stato.

Al momento della stesura di questo articolo non c’è stata una risposta alla lettera. Ma le due iniziative chiariscono che l’Oregon punta a diventare il primo motore una volta che i dipartimenti federali daranno il via libera.

5. Le aziende pubbliche crescono.

Dopo gli IPO febbrili e le previsioni rialziste, una punta di guadagni deboli da parte dei primi leader del mercato verso la fine del 2018 ha spinto tutti a dare un’occhiata a dove si trova l’opportunità nel mercato.

Investitori istituzionali come Goldman Sachs e JP Morgan che consigliano alle aziende che investono stanno entrando nel mercato e l’industria sta crescendo. Da parte loro le compagnie di cannabis avranno bisogno di prevedere i numeri e quindi esibirsi solidamente. Ciò significa ridimensionare il business per soddisfare la domanda mantenendo la spesa sotto controllo. Questo è stato un problema per le aziende che hanno perso denaro anche quando hanno vinto le licenze commerciali.

L’esame sarà positivo per l’industria, separando quelle aziende sostenute da un piano aziendale fattibile e leader disciplinati dalle start-up che hanno prosperato grazie al clamore.

Qualunque cosa accada, tutti dovrebbero aspettarsi che la concorrenza tra le compagnie di cannabis aumenti, mentre aspettiamo che vengano introdotti più domini normativi nel 2019. Le aziende che costruiscono marchi forti, spendono saggiamente e rimangono concentrate sui consumatori saranno in grado di capitalizzare sulle considerevoli opportunità di crescita che si apriranno quest’anno e oltre.

FONTE: GreenEntrepreneur

(Visited 183 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
133 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *