Stati Uniti: L’House of Representatives approva la legge bancaria per l’industria della cannabis

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti approva la legge che consentirebbe alle banche di fornire servizi alle compagnie di cannabis. È un fatto storico a causa delle sue implicazioni.

Questo mercoledì per la prima volta l’alta Camera dei rappresentanti americani approva un disegno di legge autonomo sulla riforma della cannabis. 

Il voto ha portato ad un risultato di 321 favorevoli e 103 contrari.

Con questo risultato la legge sulla sicurezza e la corretta applicazione delle leggi bancarie alle società di cannabis è stata approvata nella legge sulla sicurezza e la legge sull’equity banking (SAFE). 

Il disegno di legge è stato presentato dai democratici, ma 91 dei rappresentanti repubblicani hanno votato a favore.

L’obiettivo della misura è proteggere le banche e le società finanziarie che collaborano e forniscono servizi a questi settori.

“Se qualcuno vuole opporsi alla legalizzazione della cannabis, è un suo diritto, ma gli elettori americani hanno parlato e continuano a parlare. Il fatto è che non si può tirarsi indietro. ” “Il divieto ormai è finito” , ha detto il deputato Ed Perlmutter, che guida la Legge SICURA. “Il nostro disegno di legge riguarda solo il prelievo di denaro dalle strade e la sicurezza delle nostre comunità, e solo il Congresso può adottare queste misure per fornire tale certezza alle imprese, ai dipendenti e alle istituzioni finanziarie in tutto il paese”.

La misura sarà molto ben accolta dalle società del settore che ora non possono utilizzare i servizi bancari e con ciò che ciò significa a livello economico.

Ora il progetto di legge verrà spostato al Senato per una definitiva approvazione.

Trovi interessante questa notizia?
52 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *