Stati Uniti: Le ricerche confermano che la legalizzazione non aumenta i reati gravi

Undici stati e il distretto di Columbia hanno legalizzato la cannabis. Un nuovo studio finanziato da una sovvenzione dell’Istituto nazionale di giustizia ha cercato di determinare l’effetto di questa modifica legale sui tassi di criminalità.

Uno studio commissionato dall’agenzia federale rileva che i reati gravi non sono aumentati con la legalizzazione in Colorado e Washington.
La legalizzazione della cannabis per uso adulto non ha avuto alcun impatto su reati gravi o contro la proprietà privata. Ciò deriva da un recente studio finanziato dall’agenzia federale americana.

Al contrario la regolamentazione sulla cannabis sembra essere correlata a una riduzione a lungo termine delle rapine in uno Stato. Fino ad ora, studi precedenti sembravano mostrare risultati in diverse parti della bilancia. Tuttavia, la legalizzazione che la legalizzazione ha aiutato le autorità di polizia a risolvere meglio alcuni crimini. Inoltre territori come Washington o Oregon hanno mostrato statistiche più basse sulla violenza dopo la legalizzazione.

Lo studio è stato finanziato dal National Institute of Justice e  pubblicato  su Justice Quarterly, pubblicato dalla Academy of Criminal Justice Sciences. Per la sua realizzazione c’è stata una metodologia migliorata che produce prove più forti.

“I nostri risultati suggeriscono che la legalizzazione e la vendita di cannabis hanno avuto scarso o nessun effetto sui principali crimini in Colorado o Washington”, afferma lo studio.  “Non osserviamo alcun effetto statisticamente significativo a lungo termine delle leggi sulla cannabis ricreativa o delle vendite al dettaglio su crimini violenti o tassi di criminalità in questi Stati”. 

Studi comparativi tra stati

Gli investigatori hanno confrontato il crimine mensile in Colorado e Washington con altri 21 stati che non hanno legalizzato l’uso della cannabis. I tassi di criminalità provengono dai dati dell’FBI dal 1999 al 2016. Lo studio ha calcolato come i crimini violenti e di proprietà sono cambiati per il Colorado e Washington dopo la legalizzazione e la vendita al dettaglio. Successivamente sono stati confrontati con quelli degli Stati che non avevano legalizzato.

Subito dopo la legalizzazione c’è stato un aumento temporaneo dei crimini di proprietà in entrambi gli stati, nonché un aumento degli attacchi violenti a Washington, ma non riflette le tendenze a lungo termine ” e suggerisce che se la legalizzazione della cannabis influenza nel crimine, è a breve termine “, affermano gli autori dello studio. L’unico significativo effetto a lungo termine secondo i ricercatori è la caduta del tasso di rapina a Washington.

“Anche se gli aumenti a breve termine sembrano suggerire un aumento dei crimini legati alla cannabis, non raccomandiamo questa interpretazione, dal momento che tali aumenti non corrispondono a cambiamenti permanenti e potrebbero essere artificialmente indotti dal divario tra la legalizzazione e l’inizio delle vendite. “ 

Trovi interessante questa notizia?
62 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *