Stati Uniti: Il comitato del Congresso discute su come legalizzare la cannabis a livello federale

In un’audizione di primo piano, un importante comitato del Congresso si è riunito mercoledì mattina per discutere su come porre finalmente fine alla proibizione della cannabis a livello federale. Il rapporto, intitolato “Leggi sulla marijuana in America: giustizia razziale e necessità di riforma”, è stata l’ultima indicazione di quanto lontano sia arrivato il Congresso sulla riforma della cannabis dopo decenni di intransigenza.

Secondo la maggior parte dei sondaggi, gli americani ora sostengono ampiamente la legalizzazione della cannabis , sia nella maggioranza dei democratici e dei repubblicani. Questo accordo bipartisan è stato esposto mercoledì a una riunione della sottocommissione della Camera giudiziaria, in cui i membri di entrambe le parti hanno espresso frustrazione per lo stato attuale delle leggi sulla cannabis del paese.

La fine del proibizionismo, ha detto il rappresentante degli Stati Uniti Tom McClintock, un repubblicano della California, “potrebbe essere una delle pochissime questioni su cui si possa ancora raggiungere un accordo bipartisan in questa sessione”.

Ma mentre i legislatori sembravano essere d’accordo sulla necessità di una riforma, l’udienza di mercoledì ha evidenziato anche le tensioni tra visioni in competizione su come dovrebbe essere la riforma.

Razza: un punto di attacco persistente

La guerra alla droga ha devastato milioni di americani e le loro famiglie, ma nessun gruppo è stato colpito in modo più sproporzionato delle persone di colore. Nonostante le prove che gli americani consumano la cannabis a tassi simili su tutte le linee razziali, il rappresentante degli Stati Uniti David Cicilline (D-RI) ha notato che i neri e i bruni hanno all’incirca quattro volte più probabilità di essere arrestati per cannabis rispetto ai loro coetanei bianchi. Queste disparità sono ancora più elevate in alcune parti del paese, comprese le grandi città come New York e Baltimora.

“Le basi della nostra politica sulle droghe sono intrinsecamente razziste”.Dr. G. Malik Burnett, John Hopkins Bloomberg School of Public Health

Persino negli stati che hanno adottato misure per legalizzare, permangono disparità razziali, sia in termini di arresti sia in base alla proprietà della società nel settore della nuova industria legale. In Florida, ad esempio, che ha un programma limitato di cannabis medica, la rappresentante statunitense Debbie Mucarsel-Powell ha osservato che la maggior parte delle persone nel settore legale sono “bianche e benestanti” mentre le persone di colore continuano ad essere arrestate. “Abbiamo una storia di due Americhe”, ha detto.

Per affrontare queste disuguaglianze, alcuni legislatori hanno chiesto l’esplicazione delle convinzioni della cannabis del passato. Altri hanno sollecitato un’azione più diretta, come incanalare fondi federali per aiutare le persone di colore a trovare un punto d’appoggio nel nuovo settore.

Quel suggerimento era troppo per gli altri legislatori, come McClintock, il repubblicano californiano. Sebbene fosse d’accordo con la necessità di una qualche forma di riforma della cannabis federale, McClintock sosteneva che i Democratici stavano usando la questione per infiammare le divisioni razziali. “Sono deluso dal fatto che proprio mentre emerge un forte consenso bipartisan su questo tema”, ha detto, “la maggioranza ha scelto di giocare il cartoncino”.

Altri membri del comitato si sono esposti evidenziando le origini razziste della guerra alla droga.

Il rappresentante degli Stati Uniti Hakeem Jeffries (D-NY), per esempio, ha osservato che un capo architetto della proibizione della cannabis, Harry Anslinger, non solo “ha fatto affermazioni sulla cannabis errate” ma “ha anche preso di mira neri e latini”.

“Sarebbe corretto dire che le origini della proibizione della marijuana sono tinte di natura razziale, imperfette?” Jeffries ha chiesto al dott. G Malik Burnett, medico della John Hopkins Bloomberg School of Public Health e ex responsabile delle politiche presso la Drug Policy Alliance.

“Le basi della nostra politica sulle droghe sono intrinsecamente razziste”, ha risposto Burnett.

Ripianificazione e descheduling

Negli anni passati, i cauti promotori della riforma della canapa, come l’ex senatore Hillary Clinton, dissero che avrebbero appoggiato la rimozione della cannabis dalla categoria più restrittiva della legge sulle sostanze controllate, l’Allegato I, per porla in una classe di farmaci meno restrittiva. Ma sia i legislatori che i testimoni alle udienze del mercoledì hanno detto che rimuovere la cannabis dal CSA porterebbe a risultati migliori per la maggior parte degli americani.

“L’intero sistema per me sembra irrazionale.”Rep. USA Ted Lieu (D-CA)

Il rappresentante degli Stati Uniti Ted Lieu (D-CA) ha osservato che la cannabis è meno pericolosa della maggior parte dei farmaci Schedule II, che includono cocaina e fentanil. Ma persino spostare la cannabis nella Tabella III lascerebbe ostacoli per le imprese e i consumatori. La tassazione della cannabis e la ricerca in espansione sarebbero consentite dalla Tabella III, ad esempio, ma l’accesso ai servizi bancari e ad altri servizi finanziari sarebbe ancora limitato. Né una classificazione di Schedule III consentirebbe il consumo da parte degli adulti consenzienti.

“L’intero sistema per me sembra irrazionale”, ha detto Lieu. “Penso che la marijuana dovrebbe essere eliminata completamente dalla legge sulle sostanze controllate”.

Rimuovere completamente la cannabis dal CSA “abbasserebbe anche la barriera all’ingresso nell’industria della cannabis” e quindi promuoverebbe un’industria più equa, ha dichiarato Burnett di Johns Hopkins. La pianificazione della cannabis consentirebbe agli imprenditori della cannabis di accedere agli incentivi federali per le piccole imprese, tra cui sovvenzioni, prestiti e altri aiuti finanziari. Ciò significherebbe un accesso più equo al capitale iniziale di quello che è attualmente disponibile attraverso investitori angelici o venture capitalist “che hanno anch’essi un problema di diversità”, ha detto Burnett.

Salute pubblica

Uno dei relatori all’udienza di mercoledì era l’avvocato della contea di Baltimora, Marilyn Mosby, che a gennaio aveva annunciato che il suo ufficio non avrebbe più perseguito i casi di possesso di cannabis. Ha anche presentato una mozione per cancellare quasi 4.000 condanne per cannabis, una mossa che la corte ha negato. Mosby testimoniò che la depenalizzazione o la legalizzazione della cannabis avrebbe permesso allo stato di trattare meglio l’uso problematico di stupefacenti, liberando allo stesso tempo le risorse delle forze dell’ordine per colpire le più grandi minacce alla salute pubblica.

“Abbiamo criminalizzato quello che avrebbe dovuto essere un problema di salute pubblica per tutto questo tempo”, ha detto. Dal momento che il suo ufficio ha smesso di perseguire i casi di possesso di cannabis, Mosby ha detto al gruppo di esperti che il tasso di eliminazione dei crimini di sparatoria non violenti di Baltimora è aumentato. “Che aspetto avrebbe il mio lavoro se dovessimo concentrarci sulla sicurezza?”, Ha detto. “Sarebbe fantastico.”

Drug Gateway e uso giovanile

Alla richiesta di parlare della nozione secondo cui la cannabis è un farmaco di base, il dott. David Nathan, presidente del consiglio di amministrazione di Doctors for Cannabis Regulation, ha definito la preoccupazione “una delle questioni più debilitate in questo dibattito”.

Per prima cosa molti ricercatori ora sottoscrivono la cosiddetta teoria della responsabilità comune, che afferma che esiste una serie comune di fattori che tendono a portare a tutti gli usi di sostanze, tra cui la povertà, l’assenza di un genitore da casa, cattive scuole, strade non sicure, predisposizioni genetiche e altre. Sembra che l’uso di sostanze sia determinato meno da ciò che qualcuno mette nel corpo rispetto all’ambiente in cui si trova il corpo.

Oltre a ciò, Nathan ha aggiunto: “Sebbene esista una correlazione tra l’uso di cannabis e l’uso di altri farmaci, c’è anche una correlazione più forte tra alcol e tabacco e l’uso di altri farmaci.” In altre parole, se siamo veramente preoccupati per un effetto gateway, l’uso di alcool e tabacco sono preoccupazioni maggiori della cannabis.

Prossimi passi

Al Congresso è in corso una valutazione di una serie di leggi che riguardano la legalizzazione della cannabis. La misura principale, la legge sugli STATI, è stata citata favorevolmente da un certo numero di legislatori e testimoni. Alcuni, tuttavia, si sono opposti alla mancanza di misure di equità negli Atti degli STATI, misure contenute in una misura rivale, il Marijuana Justice Act.

L’udienza di mercoledì non è stata pensata per prendere in considerazione una proposta di legge specifica, ma piuttosto per dare ai legislatori una panoramica delle questioni di giustizia razziale in gioco.

“Tutto in politica sembra impossibile finché non accade”, ha detto il rappresentante degli Stati Uniti Ted Lieu (D-CA). “Se 15 anni fa ti avessi detto, ‘tra 15 anni avremmo un matrimonio gay in 50 stati e, in alcuni di questi stati, fumeremmo erba’, avresti pensato che fossi pazzo. Ma questo è, in effetti, ciò che sta accadendo ora. “

“Apprezzo la lotta”, ha detto Lieu. “Continuiamo a combattere, e credo che potremo ottenere questo risultato.”

FONTE: LEAFLY.com

Trovi interessante questa notizia?
177 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *