Per il CSS non c’è prova scientifica dell’efficacia terapeutica della cannabis: Ma intanto la tengono sotto monopolio

E’ arrivato sul tavolo del Ministero della Salute un parere del Consiglio Superiore della Sanità sulla cannabis, ed è di quelli da lasciare senza parole: “non è un farmaco, non è stata sottoposta ai controlli dell’Ema o dell’Aifa e non può quindi considerarsi una cura”.

Inoltre “non ci sono sufficienti studi e trial che hanno testato le reali capacità antidolorifiche e per questo motivo occorre una sperimentazione”.

Secondo il parere emesso dalla V sezione del Consiglio superiore di sanità dunque non ci sarebbero abbastanza evidenze scientifiche per definire la cannabis come curativa, nonostante mezzo mondo ed oltre ne attesti l’evidenza e le incredibili qualità terapeutiche.

E tutto questo suona come una orrenda beffa mentre il sistema sanitario sotto il regime del farmacoligopolio continua a tenere controllata la cannabis in esclusiva per le farmacie ed in esclusiva di produzione (nazionale o estera – tramite bandi).

Forse però è proprio questo l’intento: evidenziare negativamente le qualità della cannabis per poterla ulteriormente mantenere sotto controllo con la scusa abile ed agile delle “sperimentazioni”.

Geniale. Di fatto siamo in Italia mica per niente.

Trovi interessante questa notizia?
436 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *