Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

Ora che il Congresso ha approvato il soccorso COVID, è la prossima riforma nazionale sulla cannabis?

Con gli sforzi di soccorso del COVID fuori mano per il momento, il Congresso avrà presto la possibilità di affrontare la riforma della cannabis.

Il Congresso ha appena approvato un massiccio pacchetto di aiuti COVID da $ 1,9 trilioni che metterà più denaro nelle mani degli americani ($ 1.400), estenderà i sussidi di disoccupazione e farà altri progressi tanto necessari progettati per riportare il paese dalla tomba.

Il Senato degli Stati Uniti, guidato dal leader della maggioranza Chuck Schumer, ha fatto la sua parte la scorsa settimana – approvando il disegno di legge con un voto di 50-49 – e ora la Camera è passata. Il disegno di legge ora va al presidente Biden per la firma.

Allora, qual è il prossimo? Bene, potremmo finalmente vedere l’inizio della riforma nazionale sulla marijuana per attirare l’attenzione di quei Democratici dediti al doobie. È probabilmente il prossimo tema caldo per il Senato.

All’inizio dell’anno, Schumer, insieme ad altri due senatori, ha promesso di rendere la legalizzazione federale della marijuana una priorità nella nuova sessione. “Nella prima parte di quest’anno, rilasceremo una bozza di discussione unificata sulla riforma globale per garantire la giustizia riparativa, proteggere la salute pubblica e attuare tasse e regolamenti responsabili”, hanno detto i senatori in una dichiarazione. Per quanto riguarda i Democratici, l’obiettivo è porre fine al divieto dell’erba una volta per tutte negli Stati Uniti. Dopotutto, più della metà del paese ha legalizzato in qualche forma o modo. Ma dovranno agire presto perché legalizzare a livello federale non sarà un compito facile.

Sebbene i Democratici controllino entrambe le Camere del Congresso, sono destinati ad affrontare una serie di sfide quando si tratta di legalizzare l’erba. Per cominciare, il presidente Biden non è ancora sicuro se la strada da percorrere sia un mercato tassato e regolamentato su vasta scala. Preferirebbe vedere ulteriori ricerche prima di fare un balzo così audace. Quindi, anche se il Congresso riuscisse a far passare un disegno di legge attraverso la routine legislativa, potrebbe incontrare una certa resistenza al vertice. Raggiungerlo sarà già abbastanza difficile. Certo, i democratici hanno il governo della maggioranza, ma è attraverso una linea così sottile che qualsiasi resistenza potrebbe bloccarli. In breve, i democratici avranno bisogno del sostegno repubblicano per andare fino in fondo.

Ma il tempo è essenziale. L’avaro della marijuana noto come leader della minoranza al Senato Mitch McConnell del Kentucky sta già mettendo insieme piani per mandare fuori controllo i Democratici a metà mandato. Il mese scorso ha detto a Politico che il suo obiettivo principale quest’anno era quello di mettere i candidati repubblicani sul biglietto che potrebbe vincere nel novembre 2022. “L’unica cosa che mi interessa è l’eleggibilità”, ha detto . Se avrà successo, il che è possibile, i Democratici rinuncerebbero al loro potere ai Repubblicani. E come abbiamo visto in passato, avere loro il controllo non è mai di buon auspicio.

Mitch McConnell prevede di mandare fuori dal Senato la maggioranza democratica pro-marijuana nel 2022
Foto di Chip Somodevilla / Getty Images

Schumer e l’equipaggio probabilmente introdurranno una legislazione pro-erba intorno ad aprile. Tuttavia, a differenza degli anni passati, i controlli democratici garantiranno che qualsiasi disegno di legge relativo alla marijuana che verrà presentato avrà una giusta scossa in commissione. Quasi certamente andrebbero davanti al Senato al completo per una votazione. Ma finora, i democratici sono stati costretti a fare tutta la loro magia attraverso la riconciliazione del bilancio, limitando la loro portata legislativa.

Il partito non sarà in grado di usare questa tattica per approvare la riforma sulla marijuana e modificare l’ostruzionismo, l’unica cosa che ostacola il loro modo di legalizzare l’erba da sola potrebbe portare a un “Senato della terra bruciata”, secondo McConnell. Per questo motivo, Schumer e i suoi amici potrebbero essere stati un po ‘ambiziosi nel pensare che sarebbero intervenuti e avrebbero messo una legge sulla marijuana nei libri contabili nel 2021. McConnell non ha ancora dato alcuna indicazione che avrebbe aiutato a raccogliere il sostegno per la marijuana federale. legalizzazione una volta introdotta. Pertanto, ottenere i voti necessari per approvare un disegno di legge così controverso potrebbe rivelarsi estenuante.

Tuttavia, con gli sforzi di soccorso del COVID fuori mano per il momento, il Congresso avrà presto la possibilità di affrontare la riforma della marijuana. Fin dove arriveranno i legislatori? Beh, se stai leggendo questo, probabilmente non quanto speri. No, a meno che i Democratici non abbiano qualcosa di intelligente nella manica.

 426 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
0

Lascia un commento

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!