Oli CBD Falsi: il divieto sviluppa un trend pericoloso dove manca consapevolezza e legislazione

Grazie al divieto federale della Cannabis e grazie alla mancanza di consapevolezza da parte dei consumatori, gli oli finti di CBD sono aumentati in giro per l’America, si sente di persone con nausea nello Utah e nel Tennessee con effetti simili alla “marijuana sintetica”.

 

La marijuana medica ha guadagnato terreno negli ultimi anni, specialmente quando la cultura dominante si è aggrappata alla tendenza del “cannabidiolo (CBD)” e ha sviluppato quella che può essere descritta solo come una “mania” (moda) nei confronti dei cannabinoide.

Sembra che da quando il dott. Sanjay Gupta ha mostrato agli spettatori della CNN che il CBD, un composto cannabinoide guaritore nella pianta di cannabis, abbia il potere di prevenire ai bambini epilettici di avere crisi, la società americana si sia illusa riguardo i poteri curativi di tutta l’intera pianta e dunque di tutto il fitocomplesso

Ma con l’aumentare della popolarità di qualsiasi prodotto, ci sarà sempre un aspetto meschino che appare sulla scena: una legione di persone che cercano di trarre profitto da truffe e menzogne. È il modo americano. (e noi aggiungiamo che è il modo dell’essere umano, di qualsiasi Stato, quello di sfruttare uno stato di ignoranza per fare soldi e basta alle spalle di categorie protette) Sfortunatamente, questo andazzo ha iniziato a infettare la scena della cannabis, vendendo olio falso di CBD a pazienti ignari. (Purtroppo vediamo che lo stesso andazzo succede anche in Italia)

Gli effetti tossici dell’olio di CBD falso

I funzionari della sanità federale hanno recentemente pubblicato un rapporto che indica che i prodotti fasulli al CBD hanno “avvelenato” più di 50 persone nello Utah durante i mesi invernali del 2017. Dozzine di questi individui sono stati costretti a ricorrere a cure mediche d’emergenza per gli effetti collaterali simili a dei “flash momentanei di follia” tipicamente associati a spezie, spesso indicate come “marijuana sintetica” o K2. (nulla hanno a che vedere con prodotti interamente naturali e puri).

Il rapporto, che è stato rilasciato dal “Centers for Disease Control and Prevention”, mostra che i clienti pensavano di acquistare olio di cannabis dai negozi locali di tutto lo Stato (o di averlo ricevuto da un amico), finendo, poi, con una varietà di sintomi incoerenti con gli effetti del vero olio al CBD. Alcune delle vittime hanno avuto reazioni avverse, come “stato mentale alterato, convulsioni, confusione, perdita di coscienza e allucinazioni”, da come si legge nel rapporto.

Ma a differenza della brutta situazione che coinvolge forme di spezie da fumare, questi consumatori avevano l’impressione che stessero comprando un derivato della cannabis legittima – non una sostanza chimica sintetica che imitava la cannabis dando un effetto molto diverso da quello fornito dalla pianta stessa. L’olio che è stato venduto nello Utah era lontano da quello che l’etichetta suggeriva. Un’analisi del “Poison Control Center (UPCC)” ha dimostrato che ,in effetti, non era quel che dicevano ma una sostanza simile.

“Sono stati trovati nove campioni di prodotto (incluso un prodotto non aperto acquistato dagli investigatori di un negozio e un marchio riportato da un paziente) che contenevano un cannabinoide sintetico, 4-ciano CUMYL-BUTINACA (4-CCB), ma nessun CBD”, riporta il CDC . “Otto dei prodotti testati sono stati etichettati come” olio Yolo CBD “e non hanno indicato alcuna informazione sul produttore o sugli ingredienti. I campioni del sangue di quattro persone su cinque erano positivi al 4-CCB. “

Il proibizionismo incoraggia la diffusione del falso olio di CBD

Purtroppo, questa vendita di olio al CBD falso è una tendenza che potrebbe diffondersi a macchia d’olio negli Stati Uniti. Ci sono state altre relazioni che sono venute a galla nelle ultime settimane suggerendo che le persone si sono ammalate dopo aver usato CBD contraffatto. Più di recente, una donna del Tennessee sostiene di essere stata avvelenata dopo aver ingerito quello che credeva fosse l’olio di CBD prodotto da Beyond Botanicals. Si scopre che un negozio locale produceva olio al CBD falso, lo confezionava con l’etichetta di Beyond Botanicals e lo distribuiva in tutta Memphis, secondo la WREG, l’affiliata della CBS a Memphis.

Se ti stai chiedendo come sia possibile che qualcuno possa farla franca, la risposta è semplice: proibizione della marijuana.

Poiché il governo federale considera ancora qualsiasi derivato della pianta di cannabis una sostanza fuorilegge, i prodotti al CBD possono facilmente “pattinare” attraverso le aree grigie del mercato senza un guinzaglio normativo (esattamente come sta succedendo nel nostro Paese). Questo succede più spesso in quegli Stati in cui la marijuana è ancora sotto il divieto totale. Sebbene questi prodotti siano tecnicamente illegali, gli oli a base di canapa – gran parte di ciò che si trova nei negozi di alimenti naturali e altri rivenditori – non stanno prendendo la giusta attenzione da parte forze dell’ordine. Ma la situazione senza regole, che sta diventando più rilevante negli stati giuridici dove è legale il CBD e, di fatto, non impedisce la vendita di prodotti fasulli.

Il CDC raccomanda agli Stati di lavorare sull’imposizione di regolamenti per prodotti al CBD altrimenti, probabilmente questo genere di casi non chiari continueranno.

“Gli Stati potrebbero prendere in considerazione la possibilità di regolamentare i prodotti etichettati come CBD e istituire sistemi di sorveglianza per le problematiche di salute associate a prodotti etichettati come CBD per ridurre al minimo il rischio di recidive di questa emergente minaccia per la salute pubblica”, ha concluso l’agenzia nel suo rapporto.

Diteci, anche tu hai visto olio al CBD falso nei negozi?

Fonte: CannabisNow.com

(Visited 320 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
142 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *