OECCC: 5 proposte depositate a Vienna, che sottoscriviamo.

Gli esperti criticano il fatto che l’ONU rinvii il valore delle prove scientifiche sulla cannabis. L’Osservatorio europeo sulla cannabis chiede l’immediata applicazione dell’ultima relazione sulla cannabis dell’Organizzazione mondiale della sanità.Nella dichiarazione di Vienna propongono 5 misure urgenti sulla cannabis.

Il consiglio di amministrazione del Centro europeo di monitoraggio sulla coltivazione e il consumo di cannabis (OECCC) ha denunciato a Vienna il ritardo della Commissione sugli stupefacenti nell’attuazione delle raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS. Criticano questa decisione che ha lo scopo di posticipare di un anno o anche di più la svolta, anche se la depenalizzazione della cannabis dovrebbe essere automatica, dopo il rapporto dell’OMS. Considerano urgente che la legislazione si adatti sulla base di prove scientifiche, come richiesto dai protocolli, che non sono state soddisfatte per 60 anni.

L’OECCC ha ricordato che i protocolli in cui era stabilito il divieto richiedevano questo rapporto, che non è mai stato realizzato. Dopo 60 anni di ritardo, nel febbraio 2019 appare la relazione, in cui si raccomanda la riclassificazione della cannabis per toglierla dalla lista dei farmaci più pericolosi. Inoltre, in linea con la relazione sul cannabidiolo, CBD, dell’OMS, si richiede che tutti i prodotti con CBD e meno dello 0,2% di THC vengano esclusi dalle convenzioni internazionali di controllo. Dopo la pubblicazione del rapporto il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom, ha inviato la richiesta di riclassificare al segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres. Il voto sulla relazione è stato previsto per la 62a sessione della Commissione sulle sostanze stupefacenti (CND), ma hanno deciso di ritardare; per il momento parlano di un anno, ma potrebbe essere a tempo indeterminato.

Le persone oggi subiscono multe, carcere, interventi, arresti, per utilizzare o coltivare la cannabis. Serve una soluzione oggi, non si può attendere la burocrazia. Il centro di coltivazione europeo di monitoraggio sul consumo di cannabis, a questa grave situazione, che viola le leggi e il senso comune, che colpisce migliaia di cittadini, hanno chiesto un intervento urgente e stabilito cinque punti della Dichiarazione di Vienna 2019.

Dichiarazione di Vienna. 5 Misure urgenti sulla cannabis in Europa

1) Regolazione dell’uso e auto-coltivazione. Ricordare agli Stati membri che la loro legislazione nazionale può includere l’autoconsumo e l’uso medicinale. La decisione quadro del Consiglio del 25 ottobre 2004 indica la coltivazione della cannabis come uno dei comportamenti punibili, anche se esclude questo comportamento quando i suoi autori hanno agito esclusivamente per scopi di consumo personale, se definito dalla legislazione nazionale.

2) Cessazione immediata delle multe e degli interventi ai singoli coltivatori di se stessi e alle auto-coltivazioni collettive. Dopo l’ultimo rapporto dell’OMS, l’architettura legale del divieto è in dubbio. Continuare la persecuzione delle persone in queste condizioni viola i loro diritti umani e la presunzione di innocenza.

3) Cannabis medicinale integrale, con auto-coltivazione individuale e collettiva. Il Presidente della International Narcotics Control Board (INCB), Viroj Sumyai, ha confermato che “Secondo la convenzione delle Nazioni Unite del 1961, la cannabis medica è consentita , ed i governi sono in grado di regolarla .” I diversi modelli di regolazione hanno una forte influenza sull’accessibilità della cannabis medicinale per le persone. Quando viene impiantata solo la via farmaceutica, l’accessibilità è bassa e i costi dei trattamenti sono molto alti. L’autocultura medicinale è il punto che segna la differenza tra modelli inclusivi ed esclusivi.

4) Consentire la vendita di prodotti alimentari ad alto contenuto di CBD con meno di 0,2 THC, fatti con sementi certificate, con l’inclusione della canapa come alimento tradizionale negli elenchi stabiliti dall’Unione Europea prima del 1997. Come stabilito ai suoi giorni, il regolamento 258/1997, che è stato aggiornato con il regolamento (UE) 2015/2283

5) Licenze, finalizzate alla produzione, esportazione e vendita di cannabis, con criteri chiari e trasparenti e le stesse regole per tutti gli attori. Creare in ogni stato un organo amministrativo per la gestione di tutte le licenze relative alla cannabis.

Osservatorio europeo sull’uso e la coltivazione della cannabis: OECCC

L’Osservatorio europeo del consumo e coltivazione della cannabis, OECCC , è un gruppo multidisciplinare di esperti, senza fini di lucro, che propone alternative agli attuali modelli giuridici. Iscritto al Registro nazionale delle associazioni in Spagna, sezione 1 numero 613480

Prima associazione dedicata allo studio della cannabis in Europa che è iscritta nei registri di trasparenza.

– Registro per la trasparenza nell’Unione europea con il numero 192467531195-38 
– 
Registro per la trasparenza CMNC – Registro per la trasparenza della Catalogna con il numero 2591.

SOURCE OSSERVATORIO EUROPEO DEL CONSUMO E COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS

Trovi interessante questa notizia?
161 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *