Secondo un nuovo studio, il fumo di cannabis non sarebbe associato al cancro del polmone.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Addiction ed è stato precedentemente pubblicato prima della stampa dal National Institute of Health degli Stati Uniti. UU.

Uno studio condotto da ricercatori del Dipartimento di Medicina Respiratoria, Ospedale Waikato, Hamilton, Nuova Zelanda. E dal Dipartimento di medicina preventiva e sociale, Dunedin School of Medicine, Università di Otago, Dunedin, Nuova Zelanda.

Riepilogo dello studio

La cannabis è una delle sostanze ricreative più utilizzate al mondo e la seconda sostanza più comunemente fumata. 

La ricerca sulla cannabis e sui polmoni è stata limitata dal suo stato illegale, dalla variabilità della forza e delle dimensioni delle sigarette di cannabis (joint) e dal fatto che la maggior parte dei consumatori di cannabis fuma anche tabacco, rendendo difficile separare gli effetti. 

Nonostante queste difficoltà, le prove disponibili indicano che il fumo di cannabis provoca bronchite ed è associato a cambiamenti nella funzionalità polmonare. Il modello degli effetti è sorprendentemente diverso da quello del tabacco. Considerando che il fumo di cannabis sembra aumentare il rischio di bronchite grave a un’esposizione piuttosto bassa, non ci sono prove convincenti che ciò porti a malattie polmonari ostruttive croniche. Anzi, l’uso di cannabis è associato ad una maggiore resistenza delle vie aeree centrali, iperinflazione polmonare e maggiore capacità vitale con scarsa evidenza di ostruzione del flusso d’aria o compromissione del trasferimento di gas. 

Esistono numerose segnalazioni di gravi malattie polmonari bollose e pneumotorace tra i consumatori di cannabis pesanti, ma mancano dati epidemiologici convincenti di un aumentato rischio di enfisema o distruzione alveolare. 

Un’associazione tra cannabis e cancro ai polmoni rimane non dimostrata, con studi che forniscono risultati contrastanti. ma mancano dati epidemiologici convincenti di un aumentato rischio di enfisema o distruzione alveolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!