New York depenalizza la Cannabis

Lo stato di New York si unisce all’elenco dei territori statunitensi in cui il possesso di cannabis viene depenalizzato.

A partire da oggi il possesso di piccole quantità di cannabis è punibile solo con una multa all’interno di tutto lo Stato. In questo modo e d’ora in poi sarà evitata la possibilità di andare in prigione per questa infrazione. Viene compiuto un passo clamoroso verso la piena legalizzazione.

La misura richiede anche che i casellari giudiziari di reati legati a casi di cannabis di basso livello siano contrassegnati come cancellati od estinti – un evidente riflesso che in passato le comunità di colore hanno sofferto indebitamente a causa della diversa applicazione della legge.

“Le comunità di colore sono state influenzate in modo sproporzionato dalle leggi che regolano la marijuana da troppo tempo, e oggi stiamo ponendo fine a questa ingiustizia una volta per tutte”, ha affermato il Governatore Andrew Cuomo in una nota.

Nello Stato di New York ci sono circa 350.000 persone che sono state arrestate per lo stesso motivo, secondo i dati del Federal Bureau of Investigation.

L’importo per il quale d’ora in poi non sarà un reato carcerario sarà di 56 grammi o due once. 

200 dollari sarà il valore della multa che verrà loro imposta. 

New York si unisce così ai 14 Stati già esistenti che hanno depenalizzato il possesso di cannabis. 11 stati più Washington DC hanno legalizzato la cannabis ad uso ricreativo.

Il governatore è per la legalizzazione

Andrew Cuomo sostiene la legalizzazione nel suo Stato. 

Lo ha annunciato a dicembre; questa è una delle sue priorità legislative più importanti per il 2019. La misura legalizzante la cannabis per adulti aiuterebbe economicamente a risolvere molti bisogni come il problematico sistema della metropolitana di New York, che ha bisogno di essere modernizzata. Ha stimato un valore di mercato legittimo della cannabis che potrebbe raggiungere i 3.500 milioni all’anno nello stato.

Trovi interessante questa notizia?
37 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *