Messico, PRD propone di legalizzare il consumo e la coltivazione personale della cannabis

Il gruppo PRD, nella bocca del suo vice, Veronica Juarez Piña, ha proposto ieri al Parlamento messicano la depenalizzazione dell’uso ricreativo della marijuana, nonché la possibilità che l’utente possa crescere fino a tre piante di cannabis nella sua casa.

Il vice coordinatore di Sol Azteca era incaricato di presentare la prima iniziativa del legislatore che avrebbe depenalizzato la coltivazione e il consumo di cannabis. Veronica Juarez cerca un cambiamento nel modello proibizionista che ha dato pochi risultati efficaci e ha generato violenza, la proposta propone che sia lo Stato stesso che si occupa della coltivazione, elaborazione, distribuzione e commercializzazione della cannabis.

“Stiamo presentando un’iniziativa completa in cui Sagarpa e il Ministero della Salute stabiliscono come può essere coltivata la cannabis, spostata e in che modo i prodotti derivati ​​dalla marijuana possono raggiungere il mercato”, ha affermato Juárez Piña,

Ora il documento è stato consegnato alle Commissioni Unite per la salute e la giustizia per la sua opinione, cercherà il suo adeguamento nella legge sulla salute generale e per eliminare le restrizioni e le pene per il trasporto personale fino a cinque grammi, così come la creazione di club di marijuana.

Qualche giorno fa, la Commissione Globale per le Politiche sulle Droghe delle Nazioni Unite ha  presentato un rapporto in cui si afferma che la guerra alla droga è stata un grosso fallimento e ha raccomandato la legalizzazione.

Trovi interessante questa notizia?
204 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *