I medici del Portogallo a favore della medicalizzazione della cannabis ma non dell’autoproduzione personale

L’influente Associazione dei Medici del Portogallo ha chiamato lo scorso giovedì per la legalizzazione delle droghe a base di cannabis, lo stesso giorno in cui il parlamento portoghese ha iniziato a discutere una legge che avrebbe consentito ai pazienti di coltivare la marijuana a casa.

Sebbene il Portogallo abbia una delle politiche più liberali in materia di droga nel mondo e abbia piantagioni di marijuana legali per l’esportazione, negli ultimi anni ha seguito diversi paesi dell’UE come l’Italia e la Germania, nonché il Canada e gli Stati Uniti. a proposito della cannabis medicinale.

Diversi paesi dell’UE consentono di acquistare legalmente farmaci prescritti da un medico e basati sulla cannabis per trattare il dolore cronico, il disturbo da stress post-traumatico, alleviare gli effetti collaterali del trattamento del cancro e aiutare con alcuni altri disturbi .

Miguel Guimaraes, direttore dell’Associazione dei medici, ha detto però a Reuters che stava sostenendo la legalizzazione dei farmaci derivati ​​dalla marijuana sulla base di prove scientifiche, ma ha criticato la parte del disegno di legge che consentirebbe la coltivazione domestica della pianta. (NDR: vi ricorda qualcosa?)

Lo sponsor del disegno di legge, il partito del Blocco di sinistra, ha accettato di cambiare la parte del disegno di legge che si occupa della coltivazione nel paese, dicendo che era disposto a fare concessioni per avere “una legislazione fattibile a vantaggio dei pazienti” .

Il movimento del partito di estrema sinistra è più propenso ad approvare una legge che legalizza i farmaci derivati ​​dalla pianta, con il supporto dei governanti socialisti del paese.

Sembra incredibile, ma, persino laddove si è più avanti e più “tutelati” nell’uso personale, venga osteggiata dagli stessi medici la coltivazione personale della cannabis. Troppi interessi?
Trovi interessante questa notizia?
54 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *