FW – Diffondiamo Informazione

Diffondiamo Informazione

Matthaus esalta l’Fc Internazionale: «E’ stata recuperata la cosa più importante. Mister Inzaghi? E’ come Xabi Alonso, ecco perchè» #Intervista

Pubblicità
Diffondi Informazione!
Matthaus Inter

Pubblicità

Lothar Matthaus, implacabile ex centrocampista dell’Inter, ha rilasciato una lunga intervista in cui analizza la squadra odierna

Sulle colonne de La Gazzetta dello Sport, Lothar Matthaus si lancia in un’analisi della formazione dell’Inter, ritornando anche un po’ indietro nel tempo:

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

INTER JUVE- «L’Inter ha meritato, si è mostrata superiore nella sfida scudetto. Ha preso un bel vantaggio, ma bisogna sempre guardarsi le spalle. Ciò che mi dà sicurezza, e dovrebbe darla a tutti i tifosi, è che questa squadra non è nata oggi: gioca così bene da due-tre anni, ha fatto un lavoro eccezionale che l’ha portata a un passo dalla Champions. Penso che ci possa riprovare perché è davvero completa: giusti giocatori, giusto allenatore, giusta mentalità, e pure giusti sostituti che tengono alta la qualità quando entrano al posto dei titolari».

Pubblicità

SEGRETO – «Nel fatto che è stato recuperata la cosa più importante, il Dna Inter. E così è diventata più o meno ciò che è stato in Germania negli ultimi anni il Bayern, o ciò che era in Italia la Juventus. La formazione di riferimento,che trascina tutto un movimento calcistico.
Sono sempre felice quando una mia ex squadra vince trofei, in questo caso lo fa pure giocando
bene, secondo uno stile preciso. Non sarà mai quello del Barcellona, del Real Madrid o del Bayern Monaco perché l’Inter è… l’Inter».

ANALISI DELLA SQUADRA – «Diversa: è solida, ma anche molto creativa. Gioca un calcio offensivo, segna e mantiene compattezza dietro. Mostra questa forza nelle grandi notti, contro
i migliori avversari: Inzaghi è riuscito a creare qualcosa di molto simile a quello che Xabi Alonso ha messo in piedi a Leverkusen, un gruppo di fratelli in un giusto ambiente, con una precisa leadership dalla panchina. Non a caso sono due tra le due squadre più interessanti in questo momento. E per certi versi si assomigliano: giocano con la difesa a tre, anche se il Bayer ama più il possesso palla».

THURAM – «Anche lui ha trovato il club ideale per esplodere. L’intelligenza la vedi nella capacità di adattarsi e “sfruttare” la qualità dei compagni, molto più alta di quelli che aveva prima. Sa che il suo lavoro spesso è finalizzato a mettere in porta Lautaro, ormai davvero
uno dei migliori attaccanti al mondo».

LAUTARO E IL DISTACCO DA LUKAKU – «Adesso gioca con un centravanti diverso, che gli permette di cercare il gol in una nuova posizione. Poi ci sarà qualcosa di psicologico, legato alla maturazione individuale: tutto il mondo lo vede più sicuro, coinvolto da capitano nelle scelte dell’allenatore, simbolo della squadra. Ora è nel momento migliore della carriera:
questo è il Lautaro più forte di sempre».

ROMA INTER – «Ora è l’occasione per consolidare il vantaggio, ai miei tempi era una grande finale Uefa. Ricordo tutto di quella edizione 1990-91, il percorso e poi la doppia partita per il trofeo con tanti tedeschi: io, Klinsmann, Brehme all’Inter, Voeller e Bertold alla Roma.
Ho segnato su rigore all’andata e poi al ritorno, negli ultimi minuti, soffrimmo maledettamente».

ALL’INTER MI HA STUPITO… – «Di Barella ho parlato spesso, è il motore. Ma Calhanoglu e Mkhitaryan mi hanno sorpreso: da ragazzi erano da noi, in Germania, ma ora che sono molto più in là congli anni, soprattutto Micki, hanno un rendimento stupefacente. Mantengono lo
stesso livello alto partita dopo partita».

CENTROCAMPO MIGLIORE DI TUTTI – «Sì, per come lavorano uno per l’altro, ognuno sa
come stare in campo in ogni momento. Si vede che sono bene allenati, in un sistema preciso in cui anche i più giovani riescono subito a inserirsi: uno dei “plus” è proprio l’allenatore che ha dato un’anima. Ci sono 22 fratelli, non solo 11, dietro di lui: nessuno si arrabbia perché non gioca, ognuno è focalizzato sulla vittoria dello scudetto. Ripeto, il tecnico interista
sta mostrando la stessa capacità di coinvolgere tutti che ha Xabi Alonso a Leverkusen»

SECONDO BERGOMI E’ STATO IL MIGLIOR COMPAGNO NERAZZURRO – «Un grande complimento di un grande uomo e campione. Avere un capitano come lo Zio ci dava
tranquillità, lui si è preso cura di me dal primo momento in cui sono arrivato. Entrava in camera e mi parlava un po’ in italiano, un po’ in inglese e un po’ pure in tedesco: l’importante era capirsi. Ho giocato 21 anni, ma all’Inter ho passato il tempo più bello»

L’articolo Matthaus esalta l’Inter: «E’ stata recuperata la cosa più importante. Inzaghi? E’ come Xabi Alonso, ecco perchè» proviene da Inter News 24.

09:31
9 Feb 2024

Go to Source

Loading

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights