Lombardia: Forniture Gratuite (a carico del SSR) ai pazienti per l’uso medico della Cannabis

Anche in Lombardia verrà introdotta, da oggi, la possibilità di rimborsabilità per l’uso medico di cannabis, che verrà prescritta dagli ospedali e dal medico curante, per patologie invalidanti come cancro, AIDS, sclerosi multipla, lesioni al midollo e spasmi muscolari.

«La decisione della giunta Fontana di dare l’ok alle cure a base di cannabis terapeutica sia in ospedale sia a domicilio e a costo zero per i pazienti, è molto positiva: finalmente la Lombardia si mette al passo dei paesi più civilizzati al mondo anche su questo tema».

Questo il commento del vice capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati Fabrizio Cecchetti e del consigliere regionale leghista Alessandro Corbetta, sulla decisione della Giunta Regionale di approvare l’uso medico della cannabis in Lombardia.

Dunque la Regione Lombardia ha dato finalmente il via libera alla somministrazione dei farmaci a base di cannabis, oli, capsule o cartine, sia negli ospedali sia a domicilio in forma gratuita: le cure saranno a carico del sistema sanitario regionale.

Cosa cambia dunque?

  • Potranno prescrivere la cannabis terapeutica i medici ospedalieri dei reparti di anestesia, centri di Terapia del dolore, neurologia, malattie infettive, oncologia, oculistica, reumatologia, radioterapia, psichiatria.
  • La terapia avrà un durata di sei mesi, rinnovabile, e la prima prescrizione sarà fatta dentro l’ospedale dopo di che il paziente riceverà una ricetta rossa non ripetibile anche dal medico di famiglia.
  • Il malato pagherà solo il ticket se non ha l’esenzione.
  • La cannabis ad uso medico si potrà reperire nelle farmacie specializzate in preparati galenici presentando, appunto, la ricetta.
(Visited 605 times, 1 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
273 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *