Le Hawaii depenalizzano la Cannabis

Seguici su Instagram: CLICCA QUI

Seguici su Youtube: CLICCA QUI

Le Hawaii martedì hanno depenalizzato la cannabis, diventando così il 26° Stato a depenalizzare o legalizzare negli Stati Uniti.

La nuova legge rimuove la possibilità del carcere come penalità fino a tre grammi di cannabis, ma mantiene una multa di $ 130. La legislatura controllata dai democratici alle Hawaii ha approvato il disegno di legge e lo ha inviato al governo del democratico David Ige a maggio. Ige non ha firmato, ma non ha nemmeno posto il veto, facendo in modo che diventasse legge martedì

La nuova legge entrerà in vigore l’11 gennaio 2020.

“Sfortunatamente, tre grammi sarebbero la più piccola quantità in qualsiasi stato che abbia depenalizzato (o legalizzato) il semplice possesso”, ha osservato in un comunicato il Marijuana Policy Project. “Tuttavia, rimuovere le sanzioni penali e il possibile periodo di detenzione per possesso di una piccola quantità di cannabis è un netto miglioramento.”

Questo è diverso dalla legalizzazione della cannabis totale . Sotto la depenalizzazione, il possesso di piccole quantità non porta più al carcere, ma può continuare a portare una multa, ed il possesso di grandi quantità, la ripetizione di reati e le vendite o il traffico possono ancora risultare in pene più severe. Sotto la legalizzazione, le sanzioni per il possesso di cannabis vengono completamente rimosse e le vendite sono generalmente consentite.

Alcuni oppositori della legalizzazione preferiscono la depenalizzazione come un passo verso il rimescolamento delle dure politiche di droga e criminalità americana. Vedono le politiche “severe per il crimine” troppo punitive e costose, ma non vogliono ricorrere alla piena legalizzazione, che temono possa rendere la cannabis troppo accessibile negli Stati Uniti e consentire alle grandi corporation di vendere e commercializzare in modo irresponsabile.

La preoccupazione per i sostenitori della legalizzazione è che la depenalizzazione mantiene il divieto di vendere cannabis, il che significa che gli utenti non avrebbero una fonte legale, e quindi le organizzazioni criminali avrebbero comunque una fonte di entrate che possono utilizzare per operazioni violente in tutto il mondo . Le multe, anche se meno punitive rispetto agli arresti o ai tempi di detenzione, possono anche causare problemi, poiché vengono spesso applicate in modo razziale e disparato .

Undici stati e Washington, DC, hanno legalizzato la cannabis, sebbene DC e il Vermont non permettano vendite. Quindici stati aggiuntivi, ora incluse le Hawaii, hanno decriminalizzato.

Finora la legalizzazione della cannabis non è riuscita ad ottenere una forte trazione nella legislatura delle Hawaii.

I sostenitori della legalizzazione sostengono che elimini i danni della proibizione della cannabis: le centinaia di migliaia di arresti negli Stati Uniti, le disparità razziali dietro quegli arresti ed i miliardi di dollari che scorrono dal mercato nero della cannabis illecita ai cartelli che poi usano i soldi per le operazioni violente in tutto il mondo. Tutto questo, sostengono i sostenitori della legalizzazione, supererà qualsiasi potenziale svantaggio – come l’aumento del consumo di cannabis – che potrebbe derivare dalla legalizzazione.

Gli oppositori, nel frattempo, sostengono che la legalizzazione consentirà un’enorme industria della cannabis che commercializzerà in modo irresponsabile. Indicano in particolare le esperienze americane con le industrie del tabacco e dell’alcool, che hanno costruito i loro imperi finanziari in larga parte su alcuni dei consumatori più pesanti dei loro prodotti. Ciò potrebbe comportare un numero molto maggiore di persone che utilizzano la cannabis.

SUPPORTA FREEWEED CON UNA DONAZIONE

FONTE: VOX

Trovi interessante questa notizia?
328 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *