L’Azienda Tilray in espansione cerca dipendenti: intanto si sviluppa l’ingresso di Big Pharma nell’affare Cannabis

Tilray è una delle grandi compagnie internazionali nel settore della cannabis. L’azienda canadese ha scelto il Portogallo l’anno scorso per creare un centro di produzione internazionale

La società canadese Tilray ha scelto e si è stabilita in Portogallo dopo aver scelto questo paese, tra cui Germania, Australia o Nuova Zelanda, per installare un impianto per la produzione e la coltivazione della cannabis.

Queste grandi strutture del Canadian Tilray per la coltivazione su larga scala di marijuana e situate a Cantanhede , a Coimbra, hanno già iniziato con la coltivazione delle sue prime piante, secondo il Faro de Vigo. 

Il megafactory di 11.500 metri quadri è progettato per produrre 68 tonnellate di fiori di cannabis prima della fine dell’anno. Prevede inoltre l’espansione di 15.000 metri quadrati di superficie coltivata, oltre a 1.500 metri per i laboratori e l’area di produzione dei prodotti.

L’azienda ha aperto un processo di selezione dei lavoratori in cui avrebbe cercato i dipendenti per monitorare la crescita di queste colture, quindi in questo settore avrebbero cercato un profilo specialistico in orticoltura e un’esperienza in questa coltura o simili. Cerca anche lavoratori per le aree di coordinamento della sicurezza e della salute con diversi anni di esperienza nel settore.

Pronta per comandare il mercato nei prossimi anni a livello di distribuzione della cannabis ad uso medico: un gigante del farmacoligopolio.
Ecco, di seguito, l’articolo tradotto dal Financial Post:

La prima incursione di Big Pharma nella cannabis arriva con l’affare Sandoz-Tilray

La consociata canadese di Novartis, la quarta più grande azienda farmaceutica del mondo, firma una partnership per la vendita di prodotti di marijuana non combustibili.

TORONTO – Sandoz Canada Inc. collabora con la società di cannabis Tilray per sviluppare e distribuire prodotti a base di marijuana ad uso medico, segnando il primo accordo tra una grande azienda farmaceutica e un produttore canadese di cannabis.

Le società hanno annunciato di aver firmato una lettera di intenti vincolante per formare una “partnership strategica”.

Questo vedrà prodotti a marchio congiunto, ricerca e sviluppo congiunti e il team di vendita di Sandoz Canada che aiuta a ottenere prodotti Tilray nelle farmacie e ospedali in tutto il paese, in attesa di approvazione normativa.

Sandoz Canada è una filiale di Sandoz International GmbH, l’ala incentrata sui generici di Novartis International AG, la quarta azienda farmaceutica al mondo per fatturato.

Nanaimo, con sede a BC Tilray, una società privata di proprietà della società di investimento di cannabis di Seattle Privateer Holdings, ha una notevole esperienza nello spazio regolamentato della cannabis. È stata la decima società a garantire la licenza per l’accesso alla cannabis per scopi medici da Health Canada, nel 2014, e la prima azienda a trasportare legalmente la cannabis medica nell’Unione europea.

I dettagli finanziari dell’accordo non sono stati rilasciati, anche se un portavoce di Tilray ha confermato che Sandoz non ha preso una partecipazione finanziaria in Tilray. Nondimeno, la partnership segna uno sviluppo significativo nel mercato della marijuana medica, suggerendo che gli attori farmaceutici globali stanno prendendo sul serio le opportunità e il potenziale dirompente della medicina basata sulla cannabis.

Ci impegniamo a compiere ogni ragionevole sforzo per rispondere alle esigenze mediche dei pazienti aumentando il numero di prodotti di cannabis medicale non combustibili, non combustibili di alta qualità e adeguatamente dosati a disposizione dei medici

Michel Robidoux, presidente, Sandoz Canada

“Siamo entusiasti di formare un’alleanza strategica con Tilray per rafforzare il nostro portafoglio”, ha dichiarato Michel Robidoux, presidente e direttore generale di Sandoz Canada, in una dichiarazione scritta. “Ci impegniamo a compiere ogni ragionevole sforzo per rispondere alle esigenze mediche dei pazienti aumentando il numero di prodotti di cannabis medicale non combustibili, non combustibili di alta qualità e adeguatamente dosati a disposizione dei medici”.

Brendan Kennedy, amministratore delegato di Tilray. Julie Oliver / foto del file postmedia

Per Tilray, la partnership conferisce un marchio di legittimità nel momento in cui i medici sono ancora reticenti a prescrivere marijuana e il ruolo delle farmacie nello schema di distribuzione di marijuana medica del Canada rimane sospeso nell’aria.

“Avere il marchio Sandoz in co-branding su alcuni dei nostri prodotti aiuterà a stabilire la fiducia con pazienti, farmacisti e medici che sono abituati a vedere il marchio Sandoz su prodotti che consumano e di cui si fidano”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Tilray Brendan Kennedy.

L’accordo si concentra sui prodotti non combustibili, che, per cominciare nel 2018, includeranno oli e tappi di gel. A lungo termine, i prodotti potrebbero includere articoli come spray, creme e cerotti, se diventano legali.  

“Loro sanno come produrre tutti i diversi fattori di forma che ci vengono richiesti regolarmente. Non importa se stiamo parlando di una patch o di un cappuccio in gel, (Sandoz) è una società che produce e ha accesso a produttori che sanno come produrre, ogni diverso fattore di forma della medicina “, ha affermato Kennedy.

Resta da vedere come i prodotti a marchio congiunto possano effettivamente arrivare ai pazienti. Attualmente, tutta la marijuana medica legale deve essere spedita dai produttori autorizzati ai pazienti, anche se alcune farmacie stanno spingendo per avere una partecipazione in tale processo, comprese le vendite in negozio.

Lo Shoppers Drug Mart, ad esempio, ha richiesto una licenza ACMPR e ha firmato accordi di fornitura con quattro produttori di cannabis, tra cui Tilray.

Kennedy, da parte sua, ha detto che è sicuro che le farmacie canadesi potranno vendere i prodotti Tilray entro un anno.

La distribuzione in negozio, tuttavia, è tutt’altro che una cosa sicura, dato il disaccordo tra diversi college provinciali di farmacisti. Alcune università di farmacisti, come nel BC e nel Québec, hanno discusso la distribuzione da banco di cannabis. Ma altri, come in Alberta, hanno sostenuto che le farmacie non dovrebbero vendere prodotti a base di cannabis fino a quando non ricevono i numeri di identificazione dei farmaci dopo test scientifici più solidi.

I rappresentanti di farmaci di potenti case farmaceutiche tradizionali potrebbero iniziare a spostare la conversazione nella comunità medica. Forse ancora più importante, le partnership come quella tra Tilray e Sandoz in Canada potrebbero significare più soldi per la ricerca medica. 

Tilray è già coinvolto in sei studi clinici, tra cui uno presso l’Ospedale per bambini malati di Toronto, che ha esaminato l’epilessia pediatrica e uno presso l’Università della British Columbia, esaminando il disturbo post traumatico da stress, ha dichiarato Kennedy.

“Se osserviamo le migliori condizioni e i sintomi del sondaggio per paziente Tilray che facciamo ogni anno, il dolore cronico, l’insonnia e l’ansia sono in cima alla lista. Ma l’epilessia, la SM, l’HIV e il cancro sono anche grandi popolazioni di pazienti “, ha affermato Kennedy. “La gamma delle condizioni che stanno ricercando è un po’ sconvolgente.”

Trovi interessante questa notizia?
21 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *