L’Australian Capital Territory legalizza la cannabis per uso personale

Possedere e coltivare cannabis per uso personale diventerà legale nella capitale australiana.

Le leggi, che non entreranno in vigore fino al 31 gennaio, sono state approvate nell’Assemblea legislativa ACT mercoledì pomeriggio.

Consentiranno agli australiani oltre i 18 anni di possedere 50 grammi di cannabis e far crescere due piante.

Il procuratore generale ACT, Gordon Ramsay, ha detto all’assemblea che era tempo di trattare l’aggiunta di droghe come un problema di salute piuttosto che una questione di “giusto e sbagliato”, motivo per cui le leggi sarebbero accompagnate da più servizi di droga e alcol e l’introduzione di tribunali specifici.

Ha riconosciuto che possedere e coltivare cannabis rimarrebbe un reato federale e il rischio di persecuzione non è stato “completamente rimosso”, ma “in pratica” le leggi non sarebbero applicabili.

Il procuratore generale ombra ACT, Jeremy Hanson, ha detto mercoledì all’assemblea che l’opposizione liberale non sosterrà il disegno di legge poiché è stato redatto male e porterebbe a una serie di “esiti perversi”.

Ha detto che incoraggerebbe più persone a usare la cannabis – che secondo i professionisti medici porterebbe ad un aumento dei tassi di psicosi – e più persone sarebbero accusate di spaccio.

E il fatto che sia in conflitto con la legge del Commonwealth sarebbe fonte di confusione per la polizia.

“Questo mette non solo le persone a un livello di rischio maggiore, ma la nostra polizia sarà là fuori al ritmo di lavoro in questo quadro giuridico poco chiaro”, ha detto Hanson.

Una revisione delle leggi sarà condotta entro tre anni.

Michael Pettersson, backbencher laburista, che ha introdotto il disegno di legge sui membri privati, afferma che esiste una difesa per l’uso di cannabis ai sensi della legge del Commonwealth se l’uso è giustificato dalla legge dello stato o del territorio.

“La legge del Commonwealth è stata scritta con la chiara comprensione che ci sono differenze”, ha detto Pettersson.

“Non credo sia particolarmente probabile che il governo del Commonwealth proverà a combattere questo”.

Il procuratore generale federale, Christian Porter, ha affermato che il disegno di legge è una questione di competenza dell’ACT, ma dove sono state applicate le leggi del Commonwealth sono rimaste esecutive.

Un portavoce del primo ministro dell’ACT Andrew Barr ha dichiarato che il governo si è consultato con la polizia dell’ACT e con il Dipartimento dei Procuratori pubblici del Commonwealth.

Un portavoce del ministro federale della sanità Greg Hunt ha affermato che eventuali problemi con la legge del Commonwealth sono di competenza del procuratore generale, ma il governo federale non ha sostenuto la legalizzazione della cannabis per uso ricreativo.

Gli emendamenti apportati al disegno di legge originale richiedono che la cannabis sia tenuta fuori dalla portata dei bambini e impediscono agli adulti di usarli vicino ai bambini o di coltivarla nei giardini della comunità.

Non è la prima volta che le leggi introdotte dal territorio si scontrano con le leggi federali; nel 2013 la capitale ha legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso solo per far revocare la legge al governo federale dopo aver presentato una sfida all’Alta corte.

Prima di ciò, nel 1995, il Territorio del Nord ha legalizzato l’eutanasia volontaria solo per far sì che il governo federale legiferasse in seguito per impedire ai territori della nazione di introdurre specificamente la morte assistita.

Trovi interessante questa notizia?
225 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *