Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

La Pacific Island Nation of Vanuatu legalizza la cannabis ad uso medico

Sono stati alcuni mesi importanti per la legalizzazione della cannabis nel Pacifico.

Il mese scorso il Commonwealth delle Isole Marianne Settentrionali, un territorio degli Stati Uniti non lontano da Guam, ha legalizzato la cannabis per uso adulto . Si prevede che l’autocoltivazione sarà autorizzata entro la fine dell’anno e le regole relative alle vendite legali dovranno essere completate entro l’inizio del 2019.

Ora un’altra giurisdizione del Pacifico sta facendo delle mosse verso la legalizzazione. Rapporti emersi questa settimana indicano che il governo della Repubblica di Vanuatu, una nazione insulare al largo della costa orientale dell’Australia, ha legalizzato la cannabis ad uso medico.

A quanto pare è stato necessario un po’ di tempo perchè la notizia arrivasse agli Stati Uniti. Javier Hesse, uno scrittore sul sito web finanziario Benzinga ha riportato la notizia lunedì , e cita un documento ufficiale del governo che suggerisce che il cambiamento legale è iniziato più di un mese fa:

“Confermo che il consiglio dei ministri del 20 settembre ha approvato un documento programmatico per modificare le leggi di Vanuatu per consentire la coltivazione e l’uso di cannabis a scopi medicinali e di ricerca a Vanuatu da parte di parti autorizzate,” come Vus Warorcet Nohe Ronald Warsal, il paese Vice Presidente del Consiglio e Ministro per il commercio, il turismo, il commercio e il commercio di Ni-Vanuatu, ha detto in una lettera.

La relativa legislazione dovrebbe essere presentata nel parlamento del paese entro la fine dell’anno, e le licenze dovrebbero essere concesse entro la fine di dicembre, secondo il documento.

Secondo i documenti ottenuti da Benzinga, saranno concesse solo cinque licenze all’industria della cannabis. Phoenix Life Sciences International, con sede a Denver, ha dichiarato in un comunicato stampa del 10 ottobre di essere stata la prima a ricevere il permesso dal governo di Vanuatu “di stabilire operazioni nel paese e di fabbricare prodotti farmaceutici botanici”.

“Questo è un passo importante per l’azienda e le nostre operazioni a Vanuatu”, ha dichiarato il CEO Martin Tindall. 

“Con questa approvazione dell’applicazione, possiamo iniziare a stabilire le risorse necessarie per avviare studi clinici e sviluppare capacità di produzione scalabili per i nostri farmaci botanici farmaceutici e iniziare a guidare l’iniziativa di salute globale per porre fine all’epidemia di diabete”.

Circa il 20% della popolazione di Vanuatu ha il diabete, secondo un sondaggio del 2012 citato lo scorso novembre dal ministro della salute del paese, Jerome Ludvaune. “Noi cittadini di questo paese abbiamo cambiato molto rapidamente il nostro stile di vita”, ha affermato. “Perciò siamo ora in una situazione in cui affronteremo un momento difficile nel controllare questa malattia.”

I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) del 2016 hanno indicato che il 13,1% della popolazione di Vanuatu ha il diabete e la popolazione in gran parte non ha accesso ai trattamenti tradizionali. L’insulina, secondo l’OMS, “non è generalmente disponibile”.

La ricerca sulla cannabis e il diabete è in corso, prove preliminari suggeriscono che i recettori cannabinoidi possono svolgere un ruolo nella sensibilità all’insulina , l’appetito e la funzione delle cellule pancreatiche. Le proprietà antinfiammatorie della cannabis potrebbero anche alleviare i sintomi diabetici. E uno studio del 2013 ha rilevato che i consumatori di cannabis in genere avevano un girovita più piccolo rispetto ai non consumatori.

 370 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
0

Lascia un commento

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!