Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

La lunga storia della Cannabis come terapia del dolore

La pianta di cannabis è stata usata in tutta la storia antica e moderna per scopi terapeutici, cibo e tessuti, creando sia abbigliamento che strumentazione.

Oggi la rinascita della coltivazione e produzione in tutto il mondo sta portando alla luce antichi testi delle antiche civiltà.

Nell’antica Cina, nell’anno 6.000 aC era già utilizzata per strumenti, abbigliamento, calzature e cibo.

Circa nell’anno 2.700 a. C. Shen-Nung, l’Imperatore, ha scritto in Shennong Pên Ts’ao Ching, di come ha usato oli e tè fatti con parti di questa pianta per combattere il dolore: questo testo è noto come il primo riferimento scritto per il suo uso terapeutico.

Successivamente altre farmacopee hanno scritto riferimenti sugli effetti medicinali dei fiori, delle foglie e dei semi della pianta di cannabis.

Hua Tuo scrisse del primo uso documentato di cannabis come anestetico nel secondo secolo e notò che avrebbe potuto anche aiutare nel trattamento di coaguli di sangue, tenie e perdita di capelli.

Chiaramente la conoscenza greca della pianta è andata ben oltre il suo uso come fibra.

Come Michael Lahanas registra nel suo ben documentato saggio ” Esempi di antiche conoscenze mediche greche “, “Gli antichi greci usavano la cannabis come rimedio per curare l’infiammazione, il mal d’orecchi e l’edema (gonfiore di una parte del corpo a causa della raccolta di liquidi) “ (Lahanas, 2006).

Anche i romani usavano la cannabis in modo assiduo.

Nell’anno 77 dopo Cristo, Plinio il Vecchio scoprì la grande utilità della pianta per estrarre gli insetti dalle orecchie e alleviare il dolore.

Disocorides, allo stesso tempo, ha condotto una farmacopea che elenca i benefici medici della cannabis, compreso l’aiuto contro mal d’orecchi, problemi di stomaco e ustioni.

Nel 200 d.C. Galeno scrive sulla capacità della cannabis di combattere il dolore.

La cannabis è stata sempre usata nella storia dell’uomo per alleviare il dolore

L’uso della cannabis era molto comune nelle regioni del Medio Oriente, a causa della proibizione dell’alcool nell’Islam e dell’abbondanza della pianta di cannabis.

Inoltre, grazie a questa abbondanza, le conoscenze e i benefici medicinali della pianta da parte degli abitanti di queste regioni erano molto vasti, sapevano dei suoi effetti antinfiammatori, analgesici, antiemetici, antiepilettici, diuretici e di altro tipo.

Erano molto consapevoli dei benefici della cannabis: nel testo sacro dell’induismo, Atharvaveda, la cannabis è elencata come un erba sacra.

Hanno usato pasta, bevande e parti della pianta sia da un punto di vista medico che ricreativo per centinaia di anni.

Anche nell’antico Egitto è stato scritto sull’uso della cannabis in un collirio sul papiro medico Ramesseum III evidenziando come sia stata di sollievo dal dolore e dall’infiammazione.

In tutte le regioni e in tutta la storia dell’uomo, una cosa sembra chiara: la cannabis è stata usata sempre per alleviare il dolore e vivere meglio.

Ricordiamo per dovere di cronaca che non sono mai esistiti casi di decesso dovuti all’uso di cannabis.

 146 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
0

Lascia un commento

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!