La Legalizzazione della Cannabis ad uso ricreativo è associata ad una diminuzione dell’uso negli adolescenti

(CNN) L’uso di cannabis tra i giovani negli Stati Uniti è aumentato negli ultimi anni, ma un nuovo documento suggerisce che negli Stati in cui la cannabis ricreativa è stata legalizzata, l’uso di tra i giovani potrebbe effettivamente diminuire.

Le leggi che legalizzavano la cannabis ricreativa erano associate ad un calo dell’8% nel numero di liceali che affermavano di aver usato cannabis negli ultimi 30 giorni e ad un calo del 9% nel numero che affermava di aver usato almeno 10 volte nell’ultimo 30 giorni, secondo il documento pubblicato sulla rivista medica JAMA Pediatrics lunedì.

“Giusto per essere chiari, non abbiamo riscontrato alcun effetto sull’uso dei giovani dopo la legalizzazione per scopi medici, ma la prova di una possibile riduzione dell’uso in seguito alla legalizzazione per scopi ricreativi”, ha detto Mark Anderson, professore associato alla Montana State University di Bozeman, nel Montana, il primo autore del giornale.

“Poiché il nostro studio si basa su una maggiore variazione delle politiche rispetto al lavoro precedente, consideriamo le nostre stime come le più credibili fino ad oggi nella letteratura”, ha affermato.

Il documento ha coinvolto l’analisi dei dati, dal 1993 al 2017, su circa 1,4 milioni di studenti delle scuole superiori negli Stati Uniti dai National Survey del National Risk Behaviour del National Centers for Disease Control and Prevention.

I ricercatori hanno esaminato attentamente l’uso di cannabis auto-riportato nelle indagini tra gli studenti e le risposte al sondaggio in aree in cui la cannabis medica o ricreativa è stata legalizzata.

I ricercatori hanno esaminato le risposte prima e dopo l’implementazione delle leggi sulla cannabis.

I dati hanno mostrato che l’uso di cannabis tra i liceali non era statisticamente associato alle leggi sulla cannabis medica, ma c’era un legame con le leggi sulla cannabis ricreativa.

Il documento aveva alcune limitazioni, incluso il fatto che nello studio è stata trovata solo un’associazione – non una relazione causale – e sono necessarie ulteriori ricerche per determinare perché questa associazione esiste.

“Poiché molte leggi sulla marijuana ricreativa sono state approvate così recentemente, osserviamo limitati dati post-trattamento per alcuni di questi stati”, ha detto Anderson. “Tra qualche anno, avrebbe senso aggiornare le nostre stime man mano che ulteriori dati diventeranno disponibili.”

Il nuovo studio sembra contraddire alcuni studi a livello statale che suggeriscono che l’uso della cannabis tra i ragazzi rimane invariato – invece di diminuire – dopo la legalizzazione, ha detto Bonnie Halpern-Felsher, professore di pediatria nella Divisione di adolescenza dell’Università di Stanford a Palo Alto, California, che non è stata coinvolta nel nuovo documento.

Ad esempio, un rapporto del 2018 dell’Ufficio di ricerca e statistica della Divisione del Colorado di Criminal Justice ha rilevato che la proporzione di studenti delle scuole superiori dello Stato che affermavano di aver usato cannabis nel corso della loro vita o negli ultimi 30 giorni è rimasta statisticamente invariata dal 2005 a 2017. Il Colorado ha legalizzato l’uso adulto della cannabis ricreativa nel 2014.

Nel frattempo, sul fronte nazionale, la prevalenza complessiva della cannabis utilizzata solo dai giovani negli Stati Uniti dall’inizio degli anni ’90 è aumentata dallo 0,6% nel 1991 al 6,3% nel 2017, secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Public Health .

Trovi interessante questa notizia?
339 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *