La Carenza di Endocannabinoidi ha un ruolo nelle malattie comuni?

Per molti che soffrono di malattie croniche , la cannabis è una manna dal cielo. 

Partendo dalla gestione dell’ira e dei sistemi digestivi infiammati arrivando a quelli che combattono il dolore muscoloscheletrico globale e ai milioni di persone che soffrono di mal di testa dovuti ad altri disturbi, la cannabis può aiutare questi combattenti con il loro carico di problemi fisici.

Il Sistema Endocannabinoide è presente in tutti i principali sistemi corporei e la sua disfunzione può teoricamente causare una tale varietà di condizioni che la cannabis riesce a trattare.

Ma perché funziona in questo modo? Per spiegare al meglio, dobbiamo fare un backup dei concetti.

Probabilmente sai che i cannabinoidi (come i popolari CBD e THC) interagiscono con il sistema endocannabinoide del corpo (ECS) e che i nostri corpi producono endo cannabinoidinaturali che funzionano con i recettori del sistema per mantenere la salute in tutti gli altri sistemi corporei. 

Prima di tutto, è importante spiegare un po’ il significato del sistema endocannabinoide. Questo meccanismo è un’organizzazione di neurotrasmettitori specializzati che si legano ai recettori cannabinoidi, che sono allocati in tutto il corpo, principalmente all’interno del sistema nervoso centrale e periferico. Scienziati e ricercatori hanno determinato due recettori endocannabinoidi primari nel corpo, noti come CB1 e CB2. Gli altri, naturalmente, esistono, sono solo meno ricercati e meno capiti.

Sia CB1 che CB2 sono presenti nelle regioni centrali e periferiche; i due sono in realtà circa il 44% simili. Il recettore CB1 regola e influenza principalmente il sistema nervoso centrale (SNC) / cervello, reni, fegato e polmoni, mentre il recettore CB2 è focalizzato sul sistema immunitario e sulle cellule ematopoietiche, che sono cellule che generano cellule del sangue attraverso un processo noto nel mondo medico come emopoiesi.

Gli endocannabinoidi sono prodotti naturalmente all’interno del corpo e si legano con questi recettori cannabinoidi (CB1 e CB2) per aiutare a svolgere le funzioni vitali essenziali. I due endocannabinoidi principali comprendono 2-AG e anandamide. Questi endocannabinoidi vengono creati su richiesta quando il corpo invia un segnale che ne ha bisogno, e non vengono immagazzinati per lunghi periodi di tempo come la maggior parte delle molecole, ma vengono invece immediatamente utilizzati. Non appena il corpo viene sbilanciato , segnala agli endocannabinoidi e ai recettori dei cannabinoidi di dargli un po ‘di aiuto.

Ma sai cosa succede quando non produciamo abbastanza di questi endocannabinoidi?

Neanche la scienza lo sa; non proprio, comunque. 

Ma il Dottor Ethan Russo, direttore della ricerca e sviluppo dell’International Cannabis and Cannabinoids Institute ha teorizzato che la carenza endocannabinoide clinica potrebbe essere la causa della sindrome dell’intestino irritabile, fibromialgia, emicrania e altre sindromi resistenti al trattamento. 

Queste condizioni, insieme ad altre che cadono in questo ambito, sono generalmente considerate incurabili e croniche, di solito durano per il resto della vita del sofferente. Ho parlato con il dott. Russo di questo argomento, e mi ha offerto speranza per i combattenti della malattia cronica, dicendo che dal momento che queste condizioni sono generalmente acquisite (piuttosto che congenite, dalla nascita), questo sembra suggerire esserci un disturbo del Sistema Endocannabinoide dietro la malattia. Quindi si spera che possa essere invertito in qualche modo.

Risultati immagini per endocannabinoid system

Che cos’è la carenza clinica di endocannabinoidi?

La teoria della carenza clinica di endocannabinoidi (CED) spiega che queste condizioni di salute sono dovute a una carenza di livelli di endocannabinoidi, simile al modo in cui le carenze del neurotrasmettitore sono dietro ad altre malattie, come ad esempio la carenza di serotonina nell’ambito della depressione. In altre parole, la teoria postula che la causa di queste sindromi sia una quantità insufficiente di endocannabinoidi funzionanti nel Sistema Endocannabinoide.

La teoria fu posta per la prima volta dal Dott. Russo nel 2001. Da allora ha pubblicato numerosi articoli sull’argomento.”La stragrande maggioranza dei medici non ha alcun background nel Sistema Endocannabinoide. Semplicemente non viene insegnato. “Dott. Ethan Russo

Il documento del Dr. Russo del 2016, Deficit clinico endocannabinoide riconsiderato , ha rivisitato questo problema dopo che sono state registrate prove sostanziali per la teoria. In primo luogo sono state registrate differenze statisticamente significative dell’anandamide endocannabinoide nel liquido cerebrospinale dei malati di emicrania. ( Risultati simili sono stati trovati anche nei combattenti della fibromialgia).

La diminuzione della funzione del Sistema Endocannabinoide è stata riscontrata in un’altra condizione che si ritiene cada nella rubrica delle Carenze di Endocannabinoidi, ossia il putroppo diffuso disturbo da stress post-traumatico (PTSD). 

E i dati clinici hanno dimostrato che il trattamento con cannabinoidi e le modifiche dello stile di vita volte a promuovere la salute del Sistema Endocannabinoide hanno prodotto prove di diminuzione del dolore, miglioramento del sonno e di altri benefici nei combattenti, ed anche altre prove che collegano la disfunzione del Sistema Endocannabinoide a queste condizioni.

Dal documento : “Se la funzione endocannabinoide fosse diminuita, ne conseguirebbe che una soglia del dolore abbassata sarebbe operativa, insieme a squilibri di digestione, umore e sonno tra i sistemi fisiologici quasi universali asserviti dal sistema endocannabinoide (ECS).”

La teoria della Carenza di Endocannabinoidi afferma anche che tali carenze potrebbero essere presenti a causa di motivi genetici o essere il risultato di una malattia o di un infortunio.

Lo studio si concentra principalmente su IBS, emicrania e fibromialgia, che comportano un aumento delle sensazioni di dolore nelle aree interessate, ma i disturbi che possono rientrare nella rubrica della Carenza di Endocannabinoidi includono: PTSD, glaucoma, fibrosi cistica, tipi di neuropatia, dolore agli arti fantasma, insufficienza neonatale per prosperare, colica infantile, dolore mestruale, aborti ripetitivi, iperemesi gravidica, malattia bipolare e molti altri. Molte di queste malattie sono poco conosciute e rimangono resistenti al trattamento convenzionale.

Come migliorare il “tono” del Sistema Endocannabinoide

Sfortunatamente non esiste una soluzione magica, ma ci sono metodi per migliorare il tono del “Sistema Endocannabinoide”. Il dott. Russo ha qualche consiglio in merito – e si tratta di prendersi cura di sé stessi per aiutare a garantire che il Sistema Endocannabinoide non si sbilanci. Ecco alcuni suggerimenti tratti dalla sua saggezza:

  • Guarisci l’intestino :vi sono prove crescenti del fatto che il microbioma intestinale e i livelli di batteri al suo interno sono uno dei principali regolatori del Sistema Endocannabinoide. Le persone dovrebbero evitare gli antibiotici non necessari, poiché questi danneggiano l’equilibrio naturale del microbioma nell’intestino. Prova anche pro- e prebiotici per ottenere quel bioma in forma.
  • Mangiare bene: gli alimenti pro-infiammatori, come i cibi fritti con grassi trans, o troppe calorie in generale, sono dannosi per il Sistema Endocannabinoide. È anche importante coltivare la consapevolezza su ciò che si sta mangiando: come ti è stato insegnato potrebbe non essere il meglio per il tuo corpo.
  • Esercizio: il comportamento sedentario è dannoso e l’esercizio è essenziale per migliorare il tono. Tuttavia, molti combattenti di malattie croniche sperimenteranno un bagliore nei sintomi se lo spingono, quindi per molti è raccomandato un programma aerobico a basso impatto.
  • Guarda la salute della famiglia: la disfunzione del Sistema Endocannabinoide non è genetica come il colore degli occhi, ma ci sono tendenze genetiche, quindi fai attenzione se ci sono altri nella tua famiglia che sono combattenti di malattie croniche. Ricordati anche delle abitudini malsane che potresti condividere.
  • Dormire bene e stressarti di meno: il Sistema Endocannabinoide ama l’equilibrio, e un corpo stressato e disarmato è ottimo per lanciare fuori dal coro tutti i tipi di sistemi. Quindi prendi quelle otto ore e diventa reale sulla gestione dello stress.

Il Dr. Russo dice che non esiste una “cura” per queste condizioni, ma seguire queste linee guida offre l’opportunità di un intervento importante sui sintomi.

In che modo la cannabis può aiutare con la carenza di endocannabinoidi?

Sia il THC che il CBD sono in grado di legarsi ai recettori degli endocannabinoidi e di fornire al sistema cannabinoidi quando ne sono carenti o non sono in grado di produrne a sufficienza (come nel caso di carenza di endocannabinoidi). Sia il THC che il CBD sono fitocannabinoidi, perché a differenza dei cannabinoidi “endo”, non sono già presenti nel corpo.

In attesa

Per quanto riguarda il prossimo futuro, il dott. Russo sta lavorando per ottenere studi finanziati e in corso per fornire ulteriori informazioni su questo argomento, specialmente in relazione al Sistema Endocannabinoide ed al microbioma dell’intestino. Sta anche lavorando a un test diagnostico per chi soffre di fibromialgia.

E per ora, dice che deve esserci più consapevolezza riguardo al Sistema Endocannabinoide.

“Nonostante sia stato scoperto quasi 30 anni fa, il Sistema Endocannabinoide nei programmi scolastici della scuola media è stato applicato in modo molto limitato, non viene insegnato, e non è chiaro se si tratti di una sfortunata associazione con la parola” cannabis “. Ma chiaramente abbiamo un deficit di conoscenza a riguardo, e finché non rettifichiamo, non avremo la capacità di trattare i nostri pazienti in modo più efficace “.

Quindi la prossima volta che sei dal dottore, se soffri di una malattia cronica o meno, pensa di chiedere al tuo medico cosa puoi fare per migliorare la salute del tuo sistema endocannabinoide , solo per vedere se sanno di cosa si tratta. (E magari metterli sotto pressione per scoprirlo.)

Fonte: Leafly

Trovi interessante questa notizia?
526 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *