Associazione FreeWeed Board

La cannabis abbassa la pressione sanguigna alta?

Data la crescente prevalenza dell’ipertensione in un momento in cui gli stati stanno liberalizzando le leggi sulla cannabis, le persone vogliono sapere: quali sono gli effetti della cannabis sulla pressione sanguigna? Abbassa la pressione sanguigna? 

Le risposte dipendono in gran parte da chi chiedi o da quale studio leggi.

Un adulto su tre negli Stati Uniti ha la pressione alta , una condizione nota come ipertensione. Se non gestito, può portare a malattie cardiovascolari , che sono caratterizzate da un aumento del rischio di ictus, infarto e persino insufficienza cardiaca. Una serie di fattori, tra cui cattiva alimentazione, stress, inattività fisica, alcol e uso di tabacco, aumentano il rischio di sviluppare ipertensione.

Alcuni degli effetti della cannabis sulla pressione sanguigna, in particolare gli effetti acuti, sono ben compresi e documentati. Tuttavia, gli studi di ricerca che descrivono altri effetti, in particolare gli effetti negativi o positivi a lungo termine, sono limitati e spesso afflitti da una cattiva progettazione dello studio o dal fatto che i risultati degli studi sugli animali non si trasferiscono sempre ordinatamente ai soggetti umani .

Inoltre, molti risultati della ricerca sono altamente generalizzati, concentrandosi sul THC trascurando la considerazione dei numerosi altri cannabinoidi . Logicamente, una varietà di cannabis ad alto contenuto di cannabinoide psicoattivo THC produrrebbe risultati diversi da una varietà ad alto contenuto di cannabinoide CBD, in gran parte non inebriante .

Forse i più frustranti, gli studi pubblicati che indagano le differenze tra i metodi di consumo – come gli effetti del fumo di cannabis rispetto agli edibili ingeriti – sono essenzialmente inesistenti.

Con queste limitazioni in mente, ecco cosa sappiamo.

Effetti a breve termine rispetto a lungo termine del consumo di cannabis

La cannabis aumenta la pressione sanguigna? Gli studi suggeriscono subito dopo il consumo, gli utenti occasionali sperimenteranno un aumento dose dipendente da lieve a moderato della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, seguito da un modesto effetto ipotensivo (una diminuzione della pressione sanguigna). L’inizio degli effetti di picco come l’aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna si verifica entro 10-15 minuti dopo il consumo.

Gli utenti possono sviluppare una tolleranza agli effetti iniziali per un periodo da pochi giorni a settimane e l’uso ripetuto è stato associato a una riduzione della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna immediatamente dopo il consumo. Aneddoticamente, molte persone riferiscono che la cannabis li aiuta a mantenere livelli di pressione sanguigna sani, un effetto supportato da studi di ricerca .

Ecco un interessante pezzo di “curiosità non banale” che puoi usare per impressionare gli amici alla tua prossima discussione intellettuale ispirata alla cannabis: la postura durante il consumo può influenzare la pressione sanguigna . Supponi di essere seduto o sdraiato sul divano: la pressione sanguigna aumenterà temporaneamente immediatamente dopo il consumo. Una volta che ti alzi, la pressione sanguigna scenderà. In effetti, se ti alzi improvvisamente, la pressione sanguigna potrebbe scendere in modo abbastanza significativo da indurre abbastanza vertigini da farti sentire come se stessi per svenire (non preoccuparti, è improbabile che tu svenisca).

D’altra parte, se ti alzi in piedi quando bevi, la pressione sanguigna può diminuire senza mai aumentare inizialmente. Tuttavia, non ci sono molti dati pubblicati per verificare questo effetto. (Se hai eseguito le tue misurazioni comparative, sentiti libero di condividere nella sezione commenti qui sotto!)

Cannabis e ictus o attacco di cuore

Per quanto riguarda i rischi avversi gravi, un UC San Francisco longitudinale Coronary Artery Risk Development in Young Adults (CARDIA) studio l’analisi dei dati provenienti da 3.617 afroamericano e Caucasian adulti nel corso di un periodo di 15 anni non ha trovato non c’era nesso causale a lungo termine tra il consumo di cannabis e il rischio di infarto o ictus.

Tuttavia, esiste un numero limitato di studi sugli animali e di segnalazioni di casi umani che suggeriscono un collegamento tra intossicazione acuta e ictus o infarto. Ma questi risultati sono stati messi in discussione da un rapporto del 2006 pubblicato nel Forensic Science, Medicine and Pathology Journal : “Nonostante l’estrema popolarità del farmaco, le segnalazioni di ictus correlato alla cannabis e infarto miocardico sono così rare da essere ancora segnalabili”.

Inoltre, le segnalazioni di casi umani spesso non tengono conto del fatto che in questi rari eventi, le persone possono aver consumato cannabis in combinazione con alcol, tabacco o stimolanti contemporaneamente o poco prima dell’incidente.

Tuttavia, uno studio della Harvard Medical School ha concluso che per un’ora dopo aver consumato cannabis (specialmente nelle popolazioni a rischio, ad esempio gli anziani), le probabilità di subire un attacco di cuore aumentano di cinque volte. Il rischio torna alla normalità entro due ore. In particolare, il sesso comporta un aumento del rischio paragonabile. Ciò pone la domanda: la combinazione di cannabis e sesso aumenta esponenzialmente le possibilità di un attacco di cuore? Attendiamo con impazienza uno studio di follow-up da Harvard per rispondere a questa domanda.

Esiste un legame tra cannabis e trattamento dell’ipertensione?

È stato a lungo stabilito che il sistema endocannabinoide del corpo (le cui sostanze chimiche presenti in natura si comportano in modo simile ai cannabinoidi presenti nella cannabis) svolgono un ruolo importante nella regolazione di molte delle funzioni fisiologiche chiave del corpo, inclusa la funzione cardiovascolare.

Un numero crescente di ricerche mostra che l’anandamide – la versione naturale del THC nel corpo – rilassa i vasi sanguigni, con l’implicazione che consentendo al sangue di fluire più liberamente, l’anandamide aiuta ad abbassare la pressione sanguigna.

In particolare, il National Institute on Alcohol Abuse & Alcoholism ha pubblicato un rapporto in cui si conclude che “gli endocannabinoidi sopprimono tonicamente la contrattilità cardiaca nell’ipertensione” e che “il targeting del sistema endocannabinoide offre nuove strategie terapeutiche nel trattamento dell’ipertensione”.

Il grado in cui il sistema endocannabinoide gioca un ruolo nella regolazione della pressione sanguigna ha ispirato a lungo i ricercatori a esaminare se potessimo trattare l’ipertensione manipolando il sistema endocannabinoide.

Tuttavia, non siamo ancora arrivati. Sorprendentemente, nonostante il fatto che i cannabinoidi siano stati studiati per il loro potenziale come agenti antipertensivi sin dagli anni ’70, nessun farmaco a base di cannabinoidi è stato ufficialmente approvato per il trattamento dell’ipertensione. Inoltre, nonostante un corpo sempre crescente di prove aneddotiche e numerosi studi che suggeriscono che l’uso regolare di cannabis sembra produrre livelli di pressione sanguigna più bassi a lungo termine , ci manca il tipo di studi umani rigorosi che consentirebbero ai medici di dire con sicurezza: “Usa cannabis per curare la tua ipertensione!

Mentre continuiamo a sviluppare una migliore comprensione del ruolo del sistema dei recettori dei cannabinoidi nella regolazione cardiovascolare, saremo presto in grado di identificare con maggiore sicurezza il ruolo terapeutico dei cannabinoidi nel controllo della pressione sanguigna.

 618 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
Vai alla barra degli strumenti