Il Presidente dell’International Narcotics Control Board: “Necessario porre domande sul valore dei Trattati Internazionali”

Autore: Mark Taylor – Traduzione di Stefano Auditore

L’International Narcotics Control Board (INCB), responsabile del monitoraggio del rispetto dei trattati globali sulle droghe, ha ammesso che potrebbe essere necessario attenuare il suo approccio rigoroso alla regolamentazione della cannabis per rimanere pertinenti.

L’agenzia ha pubblicato il suo  rapporto annuale giovedì e, con un nuovo presidente in carica, sembra finalmente pronto ad ascoltare il resto del mondo sulla riforma della cannabis.

Nel presentare il rapporto, il presidente Cornelis P. de Joncheere ha affermato che  è necessario porre domande sul valore dei trattati esistenti , data la loro età.

“Abbiamo alcune questioni fondamentali attorno alle convenzioni che gli Stati parti dovranno iniziare a esaminare”, ha affermato. “Dobbiamo riconoscere che le convenzioni sono state elaborate 50 e 60 anni fa.”

Ha detto che ora è il momento giusto per iniziare a ripensare i trattati come la Convenzione unica del 1961 sulla droga narcotica,  che compirà 60 anni l’anno prossimo.

L’INCB ha anche affermato che i governi nazionali potrebbero voler assumersi la responsabilità di interpretare i trattati in modo meno draconiano.

“Le convenzioni offrono agli Stati la possibilità di applicare misure alternative alla condanna, alla punizione e alla detenzione, inclusi l’istruzione, la riabilitazione o il reinserimento sociale”,  ha affermato de Joncheere . “La comunità internazionale deve affrontare numerose e complesse sfide in materia di droga e i trattati sul controllo della droga rimangono la pietra miliare per affrontare tali sfide.”

illinois pot offende come ripulire l'offesa dalla marijuana
Foto di FatCamera / Getty Images

Nonostante le osservazioni del presidente, il contenuto del rapporto è molto simile a quello degli anni precedenti, rilevando dove sono stati fatti progressi nella cannabis medicinale e criticando qualsiasi giurisdizione che consenta l’uso non medico della marijuana.

A livello globale, la cannabis “continua a svolgere il ruolo più importante” tra adolescenti e adulti, ha dichiarato l’INCB della sua ricerca.

Il rapporto ha rilevato che l’abuso di sostanze e le conseguenze sulla salute associate sono i più alti tra i giovani, con la cannabis che è la sostanza più utilizzata. Il più alto tasso di utilizzo, nei giovani di età compresa tra 15 e 16 anni, è in Europa (13,9 per cento), seguito dalle Americhe (11,6 per cento), Oceania (11,4 per cento), Africa (6,6 per cento) e Asia (2,7 per cento).

“Prestiamo particolare attenzione a questo sviluppo […] ed evidenziamo la nostra preoccupazione per la situazione in alcuni paesi che si sono mossi per consentire l’uso di sostanze controllate, in particolare la cannabis, per uso non medico contrario alle disposizioni e ai loro obblighi ai sensi i trattati sul controllo della droga “.

In vista della legalizzazione della marijuana, gli arresti di cannabis diminuiscono nei sobborghi più grandi dell'Illinois
Foto di Pedro Lastra via Unsplash

L’Illinois è diventato l’undicesimo stato degli Stati Uniti a legalizzare la cannabis ricreativa il 1 ° gennaio e ha registrato un apporto fiscale di  oltre $ 10 milioni in un solo mese .

Il regolatore fa riferimento alla decisione dell’Illinois, ricordando agli Stati Uniti i suoi obblighi di allinearsi con il diritto internazionale. “L’INCB ribadisce che le misure che consentono l’uso non medico di qualsiasi sostanza controllata, compresa la cannabis, violano gli obblighi legali che incombono agli Stati parti”.

Ha anche rimproverato lo stato lussemburghese dell’Unione Europea per il suo piano di consentire ai residenti di usare la cannabis a fini ricreativi e ha messo in guardia altre aree d’Europa dal tentare lo stesso.

“Un numero crescente di paesi europei stava esplorando o aveva istituito programmi di cannabis terapeutica in linea con gli obblighi previsti dalla Convenzione del 1961, modificata dal protocollo del 1972. In alcuni paesi, c’erano indicazioni di passi in corso verso la legalizzazione dell’uso non medico della cannabis che includevano la legalizzazione della coltivazione, distribuzione e uso della cannabis a tali scopi, in particolare nei Paesi Bassi e in Lussemburgo. “

Questo articolo è originariamente apparso sul Green Market Report.

Trovi interessante questa notizia?
27 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *