Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

Il New Jersey regolamenta la cannabis per uso adulto

Dopo che gli elettori hanno approvato un provvedimento di voto a novembre, il governatore Phil Murphy ha firmato tre progetti di legge, che legalizzano l’uso di cannabis da parte degli adulti nello stato del New Jersey. La legislazione crea una commissione incaricata di emanare regolamenti entro giugno di quest’anno.

Il 22 febbraio 2021, il governatore del New Jersey Phil Murphy ha firmato tre progetti di legge , che legalizzano l’uso della cannabis da parte degli adulti nello stato. A21 è il New Jersey Cannabis Regulatory, Enforcement Assistance e Marketplace Modernization Act. A1897 è la legislazione sulla depenalizzazione e A5342 affronta le discrepanze tra le fatture che fanno riferimento al possesso di minorenni.

Per leggere l’articolo completo, registrati gratuitamente su freeweed.it
Se sei già registrato, fai login e l’articolo comparirà di seguito.

Nel novembre 2020, gli elettori del New Jersey hanno approvato in modo schiacciante la domanda 1 con un margine dal 66% al 33%. Quella misura di voto è arrivata agli elettori attraverso il legislatore , dopo che i legislatori del New Jersey non hanno approvato una legge di legalizzazione nel 2019 . La legislazione che il governatore Murphy ha firmato ieri ha sostanzialmente convertito in legge la volontà degli elettori.

Il governatore del New Jersey Phil Murphy
Il governatore del New Jersey Phil Murphy

La legislazione entra in vigore immediatamente dopo la firma delle fatture da parte del governatore, ma i residenti del New Jersey non vedranno la cannabis legale per adulti fino a giugno 2021, il termine per la Commissione di regolamentazione della cannabis di cinque membri per stabilire regolamenti dettagliati. Anche il possesso di cannabis non sarà legale fino a quando le vendite non saranno in corso.

La finestra per la richiesta della licenza si aprirà 30 giorni prima della scadenza normativa. La legislazione prevede licenze nei laboratori di coltivazione, produzione, commercio all’ingrosso, distribuzione, vendita al dettaglio, consegna e analisi. Fino al 2023, le licenze per coltivatori saranno limitate a 37. Il 25% di tutte le licenze sono destinate a microimprese di proprietà locale e con meno di dieci dipendenti.

Secondo l’avvocato specializzato in cannabis nel New Jersey Jennifer Cabrera di Vicente Sederberg LLP, le bollette includono una serie di disposizioni volte a promuovere l’equità sociale nell’industria della cannabis e riparare i danni causati dal divieto. La lingua impone che il 30% delle licenze vada ad aziende di proprietà di donne, minoranze o veterani disabili. Almeno il 25% dovrebbe essere assegnato ai residenti delle zone a impatto, che sono comuni con più di 120.000 residenti che: si collocano nel primo 40% dei comuni dello stato per arresti legati alla cannabis; avere un indice di criminalità di 825 o superiore; e hanno un tasso di disoccupazione medio annuo locale che si colloca nel primo 15% dei comuni.

Il Campidoglio di Trenton, New Jersey

I sostenitori di tutto lo stato stanno applaudendo il lavoro del governo per includere disposizioni di equità sociale nelle bollette. Stati come l’Illinois e il Massachusetts hanno inizialmente ricevuto molti elogi per aver incluso una serie di disposizioni di equità sociale nei loro piani di legalizzazione, ma il lancio ha lasciato molto a desiderare. I richiedenti di equità sociale in Illinois sono ancora in attesa di ottenere la licenza mentre le cause legali si svolgono in tribunale a seguito di accuse di corruzione e distribuzione inefficace.

Tuttavia, sembra che il New Jersey stia adottando un approccio molto più completo alle questioni di equità sociale rispetto ad altri stati. “Il New Jersey ha adottato alcune delle più forti disposizioni di equità sociale che abbiamo visto”, afferma Cabrera. “Contemplare questi problemi all’inizio del processo si rivelerà probabilmente un grande vantaggio per lo Stato. È molto più facile integrare queste considerazioni nel sistema piuttosto che tornare indietro e incorporarle in un secondo momento. ” In altre parole, c’è ancora molto lavoro da fare per garantire la creazione di un quadro normativo equo.

Amol Sinha, direttore esecutivo dell’American Civil Liberties Union (ACLU) del New Jersey, afferma che le leggi dello stato possono stabilire un nuovo standard per l’aspetto della giustizia. “Questo è un nuovo inizio – e il culmine di anni di advocacy – e dobbiamo tenere a mente che è solo l’inizio”, dice Sinha. “La firma di queste leggi mette in moto la fase successiva di questo sforzo: lavorare incessantemente per trasformare i principi della legalizzazione in una maggiore giustizia razziale e sociale nel New Jersey”.

Si stima che il mercato della cannabis per uso adulto del New Jersey potrebbe valere più di un miliardo di dollari. Mentre lo stato inizia il lancio e l’implementazione, tutti gli occhi sono puntati su New York e Pennsylvania, che dovrebbero legalizzare l’uso della cannabis da parte degli adulti entro i prossimi due anni. Sia il Governatore Cuomo di New York che il Governatore Wolf della Pennsylvania hanno chiesto a gran voce la legalizzazione dell’uso da parte degli adulti negli ultimi mesi.

 954 Visualizzazione Totali,  3 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0

Lascia un commento

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!