Il Mercato Globale della Cannabis varrà 40 miliardi di dollari nel 2024

Arcview Market Research e  BDS Analytics  hanno pubblicato la settima edizione del loro rapporto “State of Legal Cannabis Markets”.

Nei mercati regolamentati le vendite di cannabis negli Stati Uniti sono aumentate del 20% nel 2018 e quest’anno sono sulla buona strada per saltare di un altro 36% secondo il rapporto.

40 miliardi di dollari in vendite entro il 2024

La crescita del mercato globale della cannabis arriva sulla scia della liberalizzazione dei mercati esistenti e di nuovi paesi che introducono leggi che legalizzano l’uso medico.

BDS Analytics e Arcview hanno affermato che Lussemburgo, Messico e Nuova Zelanda sono in prima linea nella legalizzazione, insieme alla Corea del Sud e alla Tailandia, che hanno recentemente approvato la cannabis medica. In Africa tre paesi – Lesotho, Sudafrica e Zimbabwe – hanno programmi di sviluppo della cannabis. Questi paesi e altri porteranno la spesa al di fuori del Nord America a 5,8 miliardi di dollari entro il 2024, rispetto ai 517 milioni di dollari dello scorso anno, ha detto BDS e Arcview.

Gli Stati Uniti aprono la strada.

Gli Stati Uniti rimangono il leader in termini di dimensioni del mercato della cannabis. Il mercato statunitense dei cannabinoidi dovrebbe aumentare, aiutato da una serie di sviluppi come la legalizzazione della canapa attraverso la Farm Bill del 2018.

Il rapporto “State of Legal Cannabis Markets” stima che il mercato totale dei cannabinoidi negli Stati Uniti – che include CBD derivato dalla canapa – raggiungerà $ 44,8 miliardi entro il 2024.

La quota maggiore di questo mercato sarà assegnata ai dispensari che dovrebbero essere presenti in tutti gli Stati e territori degli Stati Uniti per quel momento. È seguito in termini di dimensioni dalle vendite di CBD, sia nelle vendite al dettaglio sia in quelle online.

I farmaci otterranno la quota più piccola, anche se le aziende stanno spendendo molto nello sviluppo di nuovi farmaci a base di cannabinoidi in seguito all’approvazione dell’epidiolex basata su CBD da GW Pharmaceuticals plc. 

La crescita nei mercati statunitensi sarà sostenuta da più Stati che legalizzano la cannabis, nonostante l’illegalità federale, afferma il rapporto.

Il rafforzamento del decimo emendamento attraverso la legge degli Stati Uniti (STATES) consentirebbe alle società di operare più liberamente negli stati giuridici, mentre il SAFE Banking Act consentirebbe alle banche di accettare denaro da aziende legali statali. 

Più soldi = più volatilità

La legalizzazione della cannabis in più Stati degli Stati Uniti, così come la piena legalizzazione in Canada lo scorso anno, ha spianato la strada a un numero sempre maggiore di società in grado di raccogliere più denaro dagli investitori.

Le società di cannabis hanno raccolto $ 14 miliardi l’anno scorso, e ciò è più del doppio dell’ammontare complessivo raccolto tra il 2014 e il 2017, secondo Viridian Capital Advisors.

Allo stesso tempo più aziende sono diventate pubbliche, il che ha attratto più investitori, ma ha anche aumentato la volatilità.

Un certo numero di LP canadesi di cannabis, come ad esempio Cronos Group Inc e Tilray Inc, ha quotato le proprie azioni al NASDAQ nel 2018.

Le società negli Stati Uniti sono andate a nord e hanno cercato un listino sui mercati canadesi, guidato da Medmen Enterprises Inc, che ha quotato le proprie azioni sulla Borsa valori canadese a maggio. 

Complessivamente ci sono circa 30 compagnie di cannabis statunitensi scambiate in borse canadesi, accodandosi a New Cannabis Ventures. 

Anche gli stock di cannabis hanno registrato molta volatilità l’anno scorso. L’indice Global Cannabis Stock Index dell’NCV ha perso il 54,9% lo scorso anno, anche se ha raggiunto un picco pluriennale all’inizio del 2018 in seguito alla legalizzazione dell’erba in California. 

A parte la volatilità, gli investitori dovrebbero tenere a mente che le compagnie di cannabis non sono più riserve di penny, ma sono negoziate su importanti borse e sono soggette a normative più rigide e ad una maggiore trasparenza.

Allo stesso tempo queste società stanno investendo i loro fondi in più beni; espandere le loro attività di coltivazione, trasformazione, ricerca e sviluppo e vendita al dettaglio e diversificando in nuovi segmenti. 

Qual’è il prossimo

Nel corso dei prossimi anni, BDS Analytics e Arcview suggeriscono che ci sarà un maggiore ritmo di innovazione in tutti i segmenti del mercato dei cannabinoidi. 

Gli Stati Uniti e altri paesi stanno esplorando modi per facilitare il commercio interstatale e internazionale, l’esportazione e il consumo pubblico di cannabis. Mentre il CBD sta guadagnando popolarità negli Stati Uniti, altri paesi stanno tenendo d’occhio la Food and Drug Administration e come intende regolamentare i prodotti con CBD.

Trovi interessante questa notizia?
218 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *