Il medico della Commissione Globale insiste su un cambiamento di visione sulle sostanze illecite

La Global Commission on Drug Policy è un’agenzia composta da ex leader e celebrità che hanno deciso di porre fine alla fallita guerra alla droga.

Pertanto personalità come Kofi Annan, Fernando Henrique Cardoso, Fernando Henrique Cardoso, Mario Vargas Llosa, César Gaviria ed Ernesto Zedillo hanno esortato i governi a soddisfare una serie di punti.

Il più importante di questi è porre fine alla criminalizzazione, all’emarginazione e alla stigmatizzazione delle persone che fanno uso di droghe ma non danneggiano gli altri.

In tale contesto, il medico francese Michel Kazatchkine ha rilasciato un’intervista a Efe in cui ha chiesto di smettere di criminalizzare le droghe , iniziare a promuovere la regolamentazione legale e proporre politiche sanitarie basate sui diritti umani.

Il membro della Global Drug Policy Commission ha dichiarato: “Se guardiamo negli ultimi 40 anni, possiamo vedere che la politica di controllo della droga non ha raggiunto il suo obiettivo”.

L’intervista è stata effettuata durante la sua partecipazione alla decima Conferenza scientifica mondiale sull’HIV (IAS 2019), che ha riunito specialisti di 160 paesi.

Droghe e HIV

Kazatchkine è stato direttore esecutivo del Fondo globale per la lotta contro l’HIV / AIDS, la tubercolosi e la malaria tra il 2007 e il 2012.

Ha spiegato che, secondo il rapporto più recente della Commissione, l’evidenza dell’inefficacia della politica proibitiva e repressiva sulle droghe è schiacciante.

“ La guerra alla droga non è riuscita a ridurre il consumo di droga , perché ha riempito le nostre prigioni, è costata milioni di dollari ai contribuenti, ha alimentato il crimine organizzato e causato migliaia di morti. L’attenzione deve essere spostata”, ha affermato l’esperto che ha trascorso più di 30 anni nella lotta contro l’AIDS.

Oltre ai problemi legati alla politica repressiva sulle droghe, l’esperto ha sottolineato che l’applicazione di questa politica ha tutta una serie di conseguenze negative.

“La criminalizzazione del consumo di droghe ha indubbiamente peggiorato l’epidemia di HIV perché le persone rimangono nascoste, senza informazioni”.

Inoltre ciò influisce sulla diffusione di malattie come la tubercolosi e l’epatite.

Droghe, corruzione e violenza

La cosiddetta “guerra alla droga”, ha detto, ha alimentato lo sviluppo della violenza e della corruzione sponsorizzata dal governo in molte parti del mondo.

“Il Messico è uno dei maggiori esempi del fallimento di questa guerra, perché i maggiori problemi che esistono nel paese sono la violenza, gli omicidi e gli sfollati”.

Kazatchkine ha affermato che il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador affronta il problema con ambiguità; da un lato, ha parlato della riforma della politica sulle droghe, dall’altro ha implementato la figura della Guardia Nazionale.

“Questo è lo uguale alla militarizzazione del paese, che è stata un fallimento dal governo di Felipe Calderón. Sappiamo che questo gesto avrà solo conseguenze negative “.

Secondo l’esperto questo atteggiamento porta alla repressione “e con più repressione c’è più violenza, tra gli stessi cartelli della droga, negli scontri con i militari e verso la popolazione, è sempre fuoco incrociato”.

Ha osservato che è necessario riformare la politica sulle droghe non solo in Messico, ma nel mondo, in quanto vi è un’epidemia emergente tra i consumatori di stupefacenti.

“In effetti, il 50% delle nuove infezioni da HIV che si verificano ogni anno in tutto il mondo sono in questo gruppo di persone”, ha detto.

Droghe e marginalità

Inoltre, ha affermato, le politiche repressive incidono sulle incarcerazioni di massa , che colpiscono in particolare le donne in strati sociali a basso reddito in America Latina.

E il peggio è che essere incarcerati è anche un grave problema di salute perché ci sono un gran numero di infezioni nelle carceri a causa delle condizioni all’interno.

Infine ha sottolineato che è necessario modificare la politica proibitiva, perché è in questo modo che il mercato illegale prospera.

Anche se, ha detto, non è sufficiente depenalizzare, ma si devono compiere progressi verso la regolamentazione delle droghe, a cominciare dalla cannabis.

Offrire servizi sanitari e terapeutici a coloro che ne hanno bisogno, compresi non solo i trattamenti con metadone e buprenorfina, ma anche programmi di trattamento assistito dall’eroina che hanno avuto successo in molti paesi europei e in Canada.

E, ha detto, i governi devono investire in attività che possono impedire ai giovani di usare droghe in primo luogo.

Ha detto che è necessario eliminare la discriminazione nei confronti delle persone che assumono droghe per uso personale. Ma soprattutto, aprire il dibattito e riformare la legislazione.

“Siamo in tempo per agire”, ha concluso.

Fonte: https://www.hoylosangeles.com/efe-4031572-15637907-20190726-story.html

Trovi interessante questa notizia?
141 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *