Il Governo Italiano rifiuta uno dei tre lotti dell’Azienda Aurora: i retroscena

Articolo di Marguerite Arnold per Cannabis Industry Journal

Aurora ha appena affrontato una rara sconfitta in Europa . Il governo italiano ha annullato uno dei tre lotti di coltivazione utilizzati per fornire ai pazienti italiani come da concessione ad Aurora quest’estate (a luglio).

Aurora è stata l’unica società a vincere il bando pubblico dopo che altre società sono state squalificate.

Per questo motivo l’attenzione parlamentare relativa a questa situazione in questo autunno è ancora più interessante. La maggior parte della cannabis straniera viene importata in Italia dai Paesi Bassi e dall’azienda Bedrocan. 

Mentre Wayland (ICC) e Canopy sono presenti già nel paese (Wayland ha infatti istituito strutture di produzione per il CBD in realtà), Aurora è stata l’unica azienda canadese straniera di cannabis a vincere effettivamente slot di coltivazione rilasciati dal governo.

Cosa sta succedendo?

A luglio Aurora ha vinto l’offerta italiana, battendo tutte le altre società per tutti e tre i lotti.

logo aurora

Tuttavia a settembre, il terzo lotto, per il “fiore medico di CBD di alto livello”, è stato annullato dal Ministero della Difesa che sovrintende all’importazione e alla produzione di cannabis, per una strana ragione. 

In particolare il lotto è stato reso improvvisamente ed incredibilmente, date le condizioni in cui versano le forniture italiane, “non necessario”, testuali parole.

Al 31 ottobre il Ministro della Sanità ha risposto ai parlamentari che si sono chiesti su questo sconvolgimento amministrativo affermando che il lotto rifiutato (lotto 3, per CBD di alto livello) è stato respinto perché gli studi di stabilità per definire la durata di conservazione dei prodotti non erano stati condotti.

Gli standard europei GMP sono presenti nella coltivazione in Europa

Questa non è davvero una strana svolta di eventi per coloro che hanno lottato sul campo nell’ex Europa per imparare le regole imposte.

Per almeno la seconda volta quest’anno, e forse la terza, un governo nazionale europeo ha messo in discussione i test di stabilità e l’uguaglianza delle norme UE-GMP. Mentre il Cannabis Industry Journal ha esposto tutto all’inizio di questo autunno, il governo polacco apparentemente ha messo in discussione il governo olandese in merito ai test di stabilizzazione (anche se per le importazioni di THC) durante il periodo che varia da febbraio a settembre .

stati dell'Unione Europea

Non è ancora noto se esiste una connessione tra questi due eventi, sebbene i tempi siano certamente interessanti. Proprio come era anche interessante che sia la Danimarca che l’Olanda sembrassero essere in sincronia quest’estate per problemi di imballaggio e poi di collaudo a luglio.

Aurora e Bedrocan sono anche i due principali attori del mercato polacco (anche se Canopy Growth e altre compagnie internazionali di cannabis non canadesi stanno lasciando il segno).

Ciò che sorprende, in altre parole, è che i paesi di tutta la Germania stanno improvvisamente ponendo domande sui test di stabilità, ma le autorità tedesche sono ancora stranamente silenziose .

Perché? Soprattutto con la produzione tedesca ora in corso, e le importazioni in aumento sul mercato?

Si tratta di uno strano gioco a livello di UE sotto mentite spoglie?

Non ci sono risposte vere e nessuna azienda sta parlando, ma in verità questo non è un fallimento di nessuna azienda sul campo, piuttosto non quanto quello dei governi che stabiliscono le regole. Se ci sono aziende di cannabis a questo punto che non sono in procinto di incaricare i controlli di conformità, compresi i test di stabilità, sono i governi finora, che lo hanno permesso senza regole chiare.

In particolare il governo tedesco . A quanto pare, nessun altro è disposto a giocare a questo gioco.

Inoltre e ancora più interessante, questa “cancellazione” arriva anche in un momento storico importante. Non vi è motivo, in questo ambiente, per cui un coltivatore nazionale non possa anche produrre localmente un prodotto di alta qualità per il nascente mercato medico italiano.

Mentre nessuno è molto chiaro sui dettagli, c’è un altro dettaglio intrigante nella legge italiana. Il governo, infatti, può consentire la coltivazione medica da parte di terzi. Staremo a vedere.

Trovi interessante questa notizia?
1 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *