Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

Il Governo del Marocco al lavoro per discutere un disegno di legge per la regolamentazione della cannabis

Il primo ministro Saad El Othmani presiederà una commissione, che esaminerà un disegno di legge relativo all’uso della cannabis. Nel dicembre 2020, il Marocco ha votato a favore della rimozione della cannabis dalla categoria di droga dell’allegato IV delle Nazioni Unite. Il consiglio del governo marocchino discuterà giovedì 25 febbraio un progetto su “l’uso legale della cannabis”, ha annunciato martedì il capo del governo.

Il capo del governo esaminerà il disegno di legge sulla legalizzazione dell’uso della cannabis, si legge nel comunicato che non fornisce maggiori dettagli sul disegno di legge. Tuttavia, l’annuncio di questo disegno di legge arriva pochi mesi dopo che il Marocco ha votato per rimuovere la cannabis dalla lista delle Nazioni Unite Schedule IV di farmaci che hanno poco o nessun uso terapeutico.

Il Marocco è stato l’unico membro della Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti (CND) nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa a dare un segnale positivo per la rimozione della cannabis dall’elenco delle sostanze tossiche. Algeria, Bahrein ed Egitto hanno votato tutti contro questa decisione.

Il consumo di cannabis è illegale in Marocco; è criminalizzato dal codice penale del paese. Ma questo farmaco è ancora tra le sostanze più utilizzate in Marocco. Le autorità spesso reprimono il traffico di resina di cannabis.

Una delle recenti operazioni si è svolta lunedì a Rabat, dove la polizia ha sequestrato 9,5 tonnellate di resina di cannabis. Alcuni anni fa, un movimento chiamato “Maroc Cannabis 2016” ha chiesto al governo di legalizzare la produzione di cannabis e il Marocco.

I dati di un rapporto del 2019 pubblicato dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) hanno confermato che il Marocco è il più grande produttore di cannabis al mondo. Il paese produce più del triplo del prossimo paese europeo, la Moldova.

Al momento del riavvicinamento tra Marocco e Israele, la rivista marocchina TelQuel ha quindi suggerito a fine dicembre al governo di “ispirarsi al modello israeliano” in termini di legalizzazione. Israele ha infatti consentito la cannabis per scopi terapeutici dal 2006. Nel 2015, il Partito autenticità e modernità (opposizione) ha presentato un disegno di legge volto a legalizzare la cannabis per uso industriale e terapeutico. All’epoca l’iniziativa è stata fermamente respinta dal governo, che ora sembra più aperto.

UNA PRODUZIONE ANNUA CHE GENEREREBBE 23 MILIARDI DI DOLLARI

La produzione di cannabis in Marocco continua a crescere, con la produzione di cannabis a base di erbe che è aumentata da 35.653 tonnellate nel 2016 a 35.703 tonnellate nel 2017, secondo il rapporto .

Resta da vedere se il governo approverà il disegno di legge sull’uso legale della cannabis in Marocco.

Oltre al disegno di legge sulla cannabis, il consiglio governativo esaminerà tre progetti di decreto di attuazione del decreto legge relativo alla promulgazione di misure eccezionali a beneficio dei datori di lavoro affiliati al Fondo nazionale di previdenza sociale (CNSS) e dei loro dipendenti dichiarati dipendenti.

 353 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
0

Lascia un commento

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!