74 Visualizzazione Totali,  5 Visualizzazioni di Oggi

I colpi di scena dell’Argentina con la regolamentazione della cannabis ora hanno un nuovo capitolo.

È da una bozza del nuovo regolamento accessibile dal portale Infobae che si afferma che il governo consentirà la coltivazione personale e la vendita di oli nelle farmacie.

Il Ministero della Salute ha presentato il progetto del nuovo regolamento della legge a organizzazioni, medici e scienziati.

Questo documento evidenzia che lo Stato, inoltre, cercherà di produrre marijuana terapeutica nella sfera pubblica e garantirà libero accesso ai pazienti che non hanno lavoro sociale o reciproco.

La legge sulla cannabis medica è stata emanata nel 2017 ma è stata ampiamente criticata da pazienti, ricercatori e medici in quanto non ha risolto la causa.

Ora, il governo afferma che consentirà finalmente agli utenti terapeutici di coltivare la pianta di cannabis nelle loro case, oltre a consentirne la vendita in farmacia e la proiezione di colture e produzione pubblica.

È una notizia che cambia il paradigma e lo scenario dopo 80 anni di proibizione globale e totale.

Ginés González García lo ha comunicato in un incontro virtuale con organizzazioni di cannabis, medici, insegnanti e scienziati che compongono il Consiglio consultivo onorario.

Il ministro della sanità della nazione ha presentato loro la bozza del nuovo regolamento della legge, che prenderà in considerazione la maggior parte delle richieste degli utenti.

E sovrascriverà quello redatto dalla precedente amministrazione governativa, che era stato ampiamente criticato per non aver risolto la domanda dei pazienti.

“È un giorno molto importante per dimostrare che può essere gestito di fronte alla società”, ha detto il ministro dal suo ufficio tramite teleconferenza, prima di lasciare la questione tecnica al comando della segretaria per l’accesso alla salute, Carla Vizzotti.

La novità più importante contenuta in questo progetto (che sarà approvato dal consiglio consultivo prima di proseguire il suo cammino verso la firma del presidente Alberto Fernández e la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale) è, senza dubbio, il regolamento dell’articolo 8 della legge 27.350, che Include l’autorizzazione di coltivazione personale e di rete per utenti, ricercatori e pazienti che si iscrivono al programma Cannabis (REPROCANN).

I limiti al numero di piante consentite in ogni casa o nel quartier generale delle organizzazioni per le colture “di rete” saranno noti solo quando il portafoglio sanitario elaborerà le risoluzioni particolari, ma sarà anche oggetto di discussione durante le riunioni tenute in i giorni seguenti.

Tuttavia, la preoccupazione delle autorità REPROCANN non è tanto legata alla quantità ma alla qualità di ciò che queste colture producono.

“L’idea è di controllare il prodotto finale”, ha avvertito uno dei funzionari responsabili, che ha riconosciuto che l’accesso gratuito totale è un problema durante la generazione dell’accesso.

A questo punto il progetto chiarisce anche che sarà presa in considerazione la “protezione della riservatezza dei dati personali”.

Il ministro della Sanità Ginés González García ha guidato l’incontro per annunciare la bozza del nuovo regolamento della legge sulla cannabis medica.

Ciò non significa che chiunque sarà in grado di avere piante di cannabis nelle proprie case, ma significa che tutti i coltivatori, le famiglie e i gruppi di solidarietà che, senza risposta dallo Stato dal 2017, hanno mantenuto con grande difficoltà (a causa del rischio) saranno in grado di entrare nel circuito della legalità. di essere imprigionato e dei problemi per ottenere, ad esempio, semi) la domanda degli utenti, la cui crescita è stata esponenziale negli ultimi tre anni.

“Il ruolo delle organizzazioni continuerà ad essere fondamentale”, ha affermato Vizzotti, che ha anche annunciato ai membri del Consiglio consultivo che lavoreranno per portare al Congresso “una legge vincente”.

Sebbene non abbia fornito dettagli, è noto che la vice entrerriana del FdT Carolina Gaillard sta lavorando a un progetto che modificherebbe la legge sulle droghe e depenalizzerebbe la coltivazione e la commercializzazione della cannabis per uso medicinale.

Fino ad ora, avere semi e piante nella sfera privata, anche per consumo personale e terapeutico, è punito dalla legge sulla droga con un massimo di 15 anni di carcere.

Almeno in campo medico, questa decisione normativa comporterà la criminalizzazione dei pazienti e dei coltivatori di solidarietà.

Un’altra importante novità introdotta dal regolamento modello 2020 è la possibilità per gli utenti non solo di importare medicinali a base di cannabis, che era già consentita anche se solo per epilessie refrattarie e tramite ANMAT, ma anche dalla vendita in farmacie autorizzate a produrre “formulazioni magistrali” come oli, tinture o creme.

“I pazienti che non sono iscritti al Programma, ma che hanno come prescrizione medica l’uso della pianta di cannabis e dei suoi derivati ​​e la loro patologia sono coperti dal Programma, possono acquisirlo attraverso l’importazione di specialità farmaceutiche o formulazioni magistrali realizzato da farmacie autorizzate a tale scopo ”, afferma la bozza del testo, a cui Infobae ha avuto accesso.

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!