Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

I legislatori di New York raggiungono l’accordo sulla legalizzazione, voto previsto la prossima settimana

Secondo quanto riferito, i legislatori di New York hanno raggiunto un accordo per la legalizzazione della cannabis e una votazione sulla legislazione potrebbe arrivare già la prossima settimana.

I legislatori di New York hanno raggiunto un accordo sulla legalizzazione della cannabis con un voto atteso sulla proposta la prossima settimana, riferisce il New York Times . Secondo fonti che hanno familiarità con la legislazione che sarà presto presentata, la legge consentirà le vendite, la crescita domestica fino a sei piante e i club di uso sociale.

I limiti di possesso sarebbero fissati a tre once e il provvedimento prevede l’ eliminazione automatica dei reati ora legali ai sensi di legge.

Le riforme sono state inizialmente proposte come parte del bilancio esecutivo del governatore Andrew Cuomo, ma tra i suoi scandali in corso – accuse di cattiva condotta sessuale, rapporti che ha dato ad amici e familiari l’accesso ai test del coronavirus mentre erano ancora difficili da procurarsi e che la sua amministrazione ha sottostimato il virus -morti in casa di cura correlate – i leader legislativi hanno premuto per un accordo che fosse più strettamente allineato al regolamento sulla marijuana e alla legge sulla tassazione. L’MRTA è stato sponsorizzato nell’ultima sessione del Senato dal senatore democratico Liz Krueger e ha un ampio sostegno da parte degli attivisti di tutto lo stato perché la misura utilizza le entrate fiscali della cannabis per investire nelle comunità più colpite dalla guerra alla droga.

“Quando questo disegno di legge sarà finalmente votato e firmato, New York potrà dire che abbiamo finalmente annullato dannose leggi sulla giustizia penale che non hanno ottenuto altro che rovinare la vita delle persone. Potremo finalmente dire che avremo un’industria per la cannabis che assicuri alle persone che acquistano il prodotto che stanno acquistando un prodotto legittimo da aziende legittime “. – Kruger al Times

Secondo il rapporto del Times, il 40% della maggior parte delle entrate fiscali sarebbe reinvestito in quelle comunità, il 40% sarebbe utilizzato per l’ istruzione pubblica , mentre il 20% andrebbe verso il trattamento della droga, la prevenzione e l’istruzione. Il piano di Cuomo aveva la maggior parte dei fondi stanziati per il Fondo Generale, su cui l’esecutivo ha un maggiore controllo.

Secondo la proposta, le vendite al dettaglio di cannabis sarebbero colpite da un’imposta statale del 9% e dal 4% locale, insieme alle tasse statali sulle vendite, portando l’aliquota fiscale effettiva sulle vendite al 21%.

La metà delle licenze del settore verrebbe riservata ai richiedenti di equità sociale , comprese le minoranze, le donne, i veterani disabili e le persone più colpite dall’applicazione sproporzionata delle leggi sulla cannabis. Sarebbero disponibili anche programmi di equità sociale, che includerebbero prestiti, sovvenzioni e programmi di incubazione per piccoli agricoltori e individui provenienti da comunità con un impatto sproporzionato che desiderano entrare nello spazio.

La proposta include anche riforme al programma statale di cannabis medica, inclusa la concessione di fiori e il raddoppio dell’indennità di fornitura da 30 a 60 giorni, afferma il rapporto.

La New York Medical Cannabis Industry Association stima che l’industria della cannabis di New York potrebbe valere 5,8 miliardi di dollari entro il 2027.

 329 Visualizzazione Totali,  5 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
0

Lascia un commento

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!