Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

Come trattare una fertilizzazione eccessiva nelle colture di cannabis?

Molte volte i raccolti di cannabis non risultano come previsto. Ci sono numerosi problemi che possono sorgere, da parassiti funghi , ad alcuni prodotti da noi stessi, come la fertilizzazione eccessiva nelle colture. Come suggerisce il nome, è una sovralimentazione creata da un eccesso di fertilizzante. Nei casi lievi, la pianta potrebbe subire danni come bruciore o lento sviluppo. Nei casi più gravi, può persino portare alla morte della pianta.

In caso di raccolta di una pianta troppo fertilizzata, il peggio potrebbe ancora venire. Il suo sapore non sarà buono, nella combustione sfrigola per l’eccesso di potassio. Inoltre ti graffierà la gola per l’eccesso di azoto. E alla fine, di solito causerà una brutta esperienza. Una delle soluzioni è curare a lungo, confidando che il tempo di riposo consentirà a determinati nutrienti di degradarsi, ma non tutti lo faranno e sarà sempre un raccolto eccessivamente fertilizzato.

Come prevenire la fertilizzazione eccessiva nelle colture di cannabis

Per prevenire la fertilizzazione eccessiva nelle colture, l’ideale sarebbe conoscere le esigenze della varietà che si sta coltivando. Questo a volte non è facile, ma a volte lo è, come se stessimo coltivando un taglio che qualcuno non ha dato. Puoi sempre scoprire nei forum la varietà che coltiverai. Se è molto tollerante ai fertilizzanti. O se, al contrario, è una varietà delicata che richiede una dieta delicata.

fertilizzazione eccessiva nelle colture di cannabis

In generale, la cannabis è una specie che consuma una grande quantità di nutrienti, sia nella fase di crescita che in quella di fioritura. Ma ci sono sempre varietà più delicate e soggette a fertilizzazione eccessiva rispetto ad altre. E come si dice, sapere in anticipo se si tratta di una varietà golosa o delicata ci aiuterà ad adattare le dosi di fertilizzante alle vostre esigenze.

Anche il fabbisogno di una pianta piccola di 30 cm non è lo stesso di quello di una piantina di 2 metri. Ecco perché quando si utilizzano fertilizzanti, oltre ad essere sempre guidati dalle dosi specificate dal produttore, dovremo tenere conto anche dello stato generale della coltura. Applicare le dosi massime indicate ad una piccola pianta, è molto probabile che l’unica cosa che si otterrà sia una fertilizzazione eccessiva in coltivazione.

Ecco perché è sempre importante iniziare con dosi inferiori a quelle indicate dal produttore. Gli eccessi sono peggio delle carenze. Nel caso in cui la pianta inizi a ingiallire per mancanza di nutrienti, allora aumenteremo la dose e riprenderà immediatamente il suo solito colore verde. È anche importante osservare l’aspetto delle foglie. Se questi assumono un colore verde molto scuro, o se le loro punte e bordi iniziano a bruciare, abbasseremo un po ‘le dosi di fertilizzante poiché potrebbe essere al limite dei nutrienti.

Cosa fare in caso di fertilizzazione eccessiva nelle colture di marijuana

Come abbiamo detto, una fertilizzazione eccessiva nelle colture è la conseguenza di un eccesso di nutrienti. E questi nutrienti arriveranno in un momento in cui la pianta non sarà in grado di assimilarli. Principalmente ci sono due soluzioni che tengono conto del grado di fertilizzazione eccessiva. Se la fertilizzazione eccessiva nelle colture è lieve, potrebbe essere sufficiente ridurre le dosi di fertilizzanti o distanziarle. Se paghiamo ogni 3 giorni, inizieremo a farlo ogni 5 giorni, ad esempio. Dovrebbero esserci anche annaffiature più abbondanti in quantità. Se proviamo a drenare il 5-10% dell’acqua totale che utilizziamo, i sali accumulati nel sottofondo verranno trascinati fuori.

fertilizzazione eccessiva nelle colture di cannabis

Se la fertilizzazione eccessiva è grave, l’opzione migliore è lavare bene le radici. Questo lascerà il substrato completamente inerte o privo di sostanze nutritive. Per questo useremo il triplo della quantità di acqua che la pentola ha capacità. Se la pentola è di 10 litri, sarebbero sufficienti 30 litri di acqua. Dopodiché, con un substrato privo di alcun tipo di nutriente, sarà necessario irrigare con basse dosi di nutrienti: la pianta proseguirà con i suoi bisogni nutrizionali.

Ma va sempre tenuto presente che un lavaggio delle radici è stressante per le piante. E sappiamo già che alla marijuana non piacciono i substrati impregnati d’acqua. Il lavaggio è solo l’ultimo passo da compiere. A volte è più controproducente che benefico. Quando una pianta è così colpita dalla fertilizzazione eccessiva, potrebbe essere l’unico modo per salvarla.

Regolarmente, è sempre una buona abitudine misurare la CE o l’elettroconduttività dell’acqua di scarico con un contatore. Quindi possiamo avere un’idea di cosa succede nel substrato. Nel caso in cui i valori superino 2,2 mS, potrebbe essere in procinto di verificarsi una fertilizzazione eccessiva a causa dei nutrienti accumulati. In questo caso annaffiare più abbondantemente per eliminare questo eccesso di sali nutritivi e restituire al substrato valori più ottimali.

L’importanza del pH nella fertilizzazione eccessiva nelle colture

Che una pianta non sia in grado di assimilare i nutrienti del substrato, può essere dovuto a diversi motivi. O come abbiamo detto, stiamo pagando più del dovuto. O forse la varietà in questione non necessita delle dosi di fertilizzanti che stiamo aggiungendo. Ma può anche essere dovuto a un pH scarsamente regolato. È necessario assicurarsi che durante la crescita il pH sia intorno a 6,0. In fioritura, lo aumenteremo a 6.5.

In questo modo ci assicureremo che tutti i nutrienti rientrino nel range di assimilazione. Al di sopra o al di sotto di questi valori, la pianta avrà difficoltà ad assimilare alcuni nutrienti. Altrimenti possiamo concimare e concimare senza che la pianta si nutra adeguatamente, creando un eccesso di nutrienti nel substrato.

 991 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0
0

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!