Come trattare la “Sovrafertilizzazione” nelle piante di Cannabis

Molte volte i raccolti di cannabis non vanno come previsto inizialmente. 

Ci sono numerosi problemi che possono verificarsi, dai parassiti e funghi  ad alcuni prodotti da noi stessi come nel caso della sovrafertilizzazione. 

Come suggerisce il nome, è una sovralimentazione creata da un eccesso di fertilizzante. Nei casi lievi, la pianta potrebbe subire danni, come ustioni o lento sviluppo. Nei casi più gravi, può persino portare alla morte della pianta.

In caso di raccolta di una pianta troppo fertilizzata, il peggio potrebbe ancora dover arrivare. Il suo sapore non sarà buono, ci sarà una frizzante combustione a causa di un eccesso di potassio, graffierà nella gola per eccesso di azoto, e in ultima analisi, normalmente causerà un’esperienza negativa. Una soluzione è fare un tempo di maturazione lungo sperando che il resto servirà a degradare alcuni nutrienti, ma sarà complicato.

Per evitare un’eccessiva integrazione, l’ideale sarebbe conoscere i bisogni della varietà coltivata. Questo a volte non è facile, ma altre volte lo è. 

Puoi sempre informarti nei forum sulla varietà che coltiverai, se è molto tollerante ai fertilizzanti, o se al contrario è una varietà delicata che richiede una dieta morbida. In generale, la cannabis è una specie che consuma un sacco di sostanze nutritive, ma ci sono sempre varietà che sono più inclini alla sottostimolazione di altre.

Anche le esigenze di una piccola pianta di 30 cm non sono le stesse di una piantina di 2 metri. 

Ecco perché quando vengono utilizzati i fertilizzanti, dobbiamo sempre essere guidati dalle specifiche del produttore, ma anche dallo stato generale del raccolto. Applicando le dosi massime indicate in una piccola pianta, è probabile che tutto ciò che si ottiene sia eccessivamente flessibile.

Pertanto è sempre importante iniziare con dosi più basse di quelle indicate dal produttore. Gli eccessi sono peggiori delle carenze, e nel caso in cui la pianta inizi a ingiallire, richiedendo più nutrienti, allora aumenteremo la dose e recupereremo immediatamente la sua vegetazione.

 È anche importante guardare l’aspetto delle foglie. Se vertono su un colore verde scuro, o le loro punte e bordi cominciano a bruciare, abbassa un po’ le dosi di fertilizzanti.

COSA FARE IN CASO DI OVERFERTILIZZAZIONE?

Come abbiamo detto, le overfertilization sono il risultato di un eccesso di nutrienti che la pianta non è in grado di assimilare. 

Principalmente ci sono due soluzioni. Se l’overfertilization è lieve, sarebbe sufficiente ridurre le dosi di fertilizzanti o spaziarle nel tempo. 

Se lo usiamo ogni 3 giorni, fatelo ogni 5. Dovreste anche fare un’irrigazione più abbondante in quantità, cercando sempre di drenare il 5-10% dell’acqua totale che usiamo. Questo trascinerà quei sali accumulati nel substrato.

Se l’overfertilization è grave, l’unica opzione è fare un buon lavaggio della radice, lasciando il substrato completamente inerte. 

Per questo useremo tre volte la quantità d’acqua che usiamo normalmente. Se il vaso è di 10 litri, con 30 litri d’acqua andremo sul sicuro. 

Dopo questo, con un substrato senza alcun tipo di nutriente, sarà necessario irrigare con basse dosi di nutrienti, poiché la pianta continuerà con le sue esigenze nutrizionali.

Ma bisogna tenere presente che il lavaggio delle radici è uno stress per le piante, che sappiamo già che non amano i substrati allagati.

I lavaggi sono solo un’ultima misura che dovrebbe essere adottata, poiché a volte è più controproducente che vantaggiosa. Quando una pianta è così influenzata dalla sovrafertilizzazione, potrebbe essere però l’unico modo per salvarla.

Regolarmente è sempre buona norma misurare la CE dell’acqua di scarico con un metro. Questo ci darà un’idea di cosa succede nel substrato. Se i valori superano 2,2 mS, potrebbe verificarsi un’eccessiva fertilizzazione. In questo caso, rendete più abbondanti le innaffiature per eliminare questo eccesso di sali nutritivi e per restituire al substrato alcuni valori ottimali.

 

Fonte: LaMarihuana

Trovi interessante questa notizia?
67 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *