Come si producono i semi femminizzati?

Sebbene la coltivazione della cannabis abbia migliaia di anni di storia, il vero e proprio boom ebbe inizio negli anni ’60 e ’70 del secolo scorso, quando alcuni avventurieri iniziarono a sviluppare le prime varietà commerciali. Genetiche pionieristiche come Skunk, Haze, Hindu Kush o Blueberry, hanno segnato la strada affinché nuove varietà possano emergere per mano di importanti allevatori.

Durante i primi circa 30 anni da allora i semi di cannabis non hanno avuto bisogno di alcuna identificazione, tranne il nome della varietà. Con l’arrivo delle varietà femminilizzate, più o meno all’inizio di questo secolo, il nome di normale o standard era già stato stabilito per riferirsi ai semi “classici”, cioè quelli che offrono piante sia maschili che femminili.

Lo sviluppo di semi regolari è molto più semplice rispetto allo sviluppo di semi femminizzati. Ci vuole solo il polline di una pianta maschile per impollinare appunto i fiori di una femmina per produrre migliaia di semi. Sebbene, d’altra parte, per garantire semi di qualità, ogni seme regolare richiede un enorme processo di selezione sia per la madre che per il padre.

Questa selezione è più facile quando si tratta di cercare una buona pianta madre, poiché le sue caratteristiche sono facilmente identificabili: sapore, aromi, effetti, potenza, vigore, produzione, resistenza …

Ma invece la selezione di un buon padre è più complicata poiché molte delle caratteristiche che sono ricercate in una femmina difficilmente le troveremo in un maschio. E solo coltivando la prole si può verificare se il padre contribuisce o meno a ciò che cerca l’allevatore.

I semi femminizzati sono stati una svolta per diversi motivi. Il principale è che assicurano una pianta femminile nel 99% dei casi. Anche il processo di selezione è praticamente inesistente, poiché le banche di semi generalmente optano per cloni d’élite di comprovata qualità come Critical Mass, White Widow, Black Domina, Amnesia, Cheese, Gorilla Glue e così via.

Comprendere come un seme femminizzato garantisca una pianta femminile è molto più semplice di quanto sembri. E non occorre essere un genetista o avere una conoscenza minima della genetica. Le piante di cannabis, come noi, hanno una predisposizione maggiore o minore al fatto che il loro sesso sia maschio o femmina. Ciò è sostanzialmente dovuto a due cromosomi chiamati X e Y. Una pianta con due cromosomi X (XX) sarà una pianta femmina e una pianta con un cromosoma X e un’altra Y (XY) sarà una pianta maschio.

Quindi è facile verificare che chiunque contribuisca al secondo cromosoma X o Y sia sempre la pianta maschile. La stessa cosa accade in tutto il mondo animale, sarà sempre il maschio a “decidere” quale cromosoma fornisce. Se è X, la prole sarà femmina (XX). Se è Y, la prole sarà maschio (XY). Quindi, se il maschio è sempre in grado di contribuire al cromosoma X anziché alla variabile Y, la prole sarà sempre femmina.

La cannabis è una specie dioica, il che significa che ci sono esemplari femminili e maschili. Ma qualcosa di eccezionale di questa pianta è che ogni pianta femminile sotto stress pesante produce fiori maschili. Ma questi fiori, nonostante siano maschili, avranno XX cromosomi e dunque la pianta sarà femmina, sempre femmina. Quando un fiore femmina viene impollinato con il polline di questi fiori, i semi non possederanno mai il cromosoma Y che può far nascere la pianta maschio.

Le prime varietà femminizzate furono sviluppate sottoponendo le piante allo stress ambientale, ma i risultati furono in qualche modo instabili. 

Oggi vengono utilizzate tecniche di femminilizzazione molto più affidabili, come principalmente STS o argento tiosolfato e argento colloidale. 

Anche nel caso del secondo, è molto facile da ottenere e chiunque abbia un po’ di dedizione e conoscenza minima può creare i propri semi femminizzati.

Trovi interessante questa notizia?
1 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *