Chemioterapia, radiazioni e cannabis? Ecco gli Studi che esplorano il potenziale della pianta come trattamento efficace

Nell’aprile 2017, Keischa N. Quiles Mercado di Arecibo, Puerto Rico, aveva 27 anni e aveva appena iniziato il suo programma di master in psicoterapia, quando una mattina fu svegliata da una serie di attacchi epilettici. Sua madre e sua sorella la portarono di corsa al pronto soccorso.

All’ospedale l’imaging aveva rivelato una grande massa depositata nel lobo frontale del suo cervello – il centro di controllo per la parola, la concentrazione e il controllo motorio. Keischa ha detto che il glioblastoma trovato era “delle dimensioni di una patata al forno”.

Il più comune di tutti i tumori cerebrali, i glioblastomi, sono estremamente aggressivi, il che li rende difficili da trattare. La posizione, la rapida crescita e la frequente divisione cellulare rendono il trattamento particolarmente difficile per oncologi e chirurghi. I tassi di sopravvivenza dei pazienti con glioblastoma sono scarsi: meno del 5% vivrà più a lungo di cinque anni; il tasso medio di sopravvivenza per i pazienti è di 15 mesi. Nonostante le probabilità, il neurochirurgo di Keischa, il dottor Iván Sosa Gonzalez, la scoraggiò dalla lettura delle storie precedenti sui glioblastomi su Internet, e invece la incoraggiò ad essere positiva.

Keischa è andata in chirurgia il giorno successivo per un tentativo di rimozione del tumore.

cannabis del cancro

(Foto per gentile concessione di Keischa N. Quiles Mercado)

Dopo l’intervento, Keischa ha sperimentato un effetto collaterale temporaneo non raro nei pazienti sottoposti a chirurgia cerebrale: perdita di memoria. “Dal momento in cui ho riaperto gli occhi, non ho nemmeno riconosciuto mia madre”, mi ha detto Keischa.

Un compagno di classe di Keischa ricorda bene quella volta. “La scuola era fuori di testa: l’insegnante, gli studenti, il direttore. Un tumore al cervello è qualcosa di importante “, ha detto Maria Martinez. “Quando tornò a far visita dopo l’intervento chirurgico, non ricordava nessuno. È straziante che abbia lottato così tanto. “

Dopo essersi ripreso dall’intervento, Keischa ha subito 38 cicli di radiazioni e un anno di chemioterapia e gli effetti collaterali che ne derivano.

“Niente alleviava i miei mal di testa e la nausea”, mi ha detto Keischa. “Non avevo appetito e avevo un dolore costante. Sono allergica all’aspirina e ho sentito che se potevo sopravvivere al processo di restringimento di questo tumore, doveva esserci qualcosa per aiutare con gli effetti collaterali “.

La sorella di Keischa, Clariliz Quiles Mercado, ha riferito una storia sulla prima volta che il corpo di Keischa ha risposto negativamente alla chemioterapia. Ore dopo la sua prima sessione di chemioterapia, Keischa e la sua famiglia andarono a fare compere, chiacchierando e ridendo mentre passeggiavano su e giù per i corridoi.

All’improvviso, Keischa iniziò a vomitare violentemente e incontrollabilmente.

“Keischa ha vomitato circa 30 volte in soli 15 minuti”, ha detto Clariliz. “Ho cercato di aiutarla in bagno per pulirla. Potrebbe essere stata molto malata, ma volevo che avesse una certa dignità. Sebbene Keischa sapesse che stavo solo cercando di aiutarla, voleva comunque mantenere una certa indipendenza finché poteva. Si mise in bagno e fece del suo meglio per pulirsi.

“Sulla via di casa, abbiamo dovuto fermarci più volte in modo che Keischa potesse vomitare di più. Quando ha vomitato sangue, sapevamo quanto fosse gravemente malata Keischa. “

Rivolgersi alla cannabis per chiedere aiuto

Un amico ha suggerito a Keischa di provare la cannabis per alleviare i suoi sintomi – la sua famiglia e il suo oncologo, il dott. David Blas Boria, erano completamente favorevoli al suo consumo di questa pianta terapeutica.

“L’unica cosa che contava per me era essere senza dolore e nausea, e la cannabis poteva realizzarlo facilmente”, ha detto Keischa. Fortunatamente, la cannabis era appena stata resa legalmente disponibile a Porto Rico quattro mesi prima.

“Siamo rimasti piacevolmente sorpresi di quanto sia stato utile per controllare gli effetti collaterali”, mi ha detto Clariliz. “Ha anche aiutato l’umore di [Keischa]. Invece di essere depressa, sembrava davvero più viva e più felice. Siamo così grati che ha a disposizione una cannabis legale.

“Keischa è la mio migliore amica. Lei è la mia compagna e sono così felice di vederla gestire la sua malattia così bene. È un’ispirazione, e sì, è decisamente una guerriera. “

“Mia figlia è un angelo”, ha aggiunto la madre di Keischa, Ana. “Oltre ad essere una guerriera forte e senza paura, è bellissima e una brava figlia. Sono così orgogliosa di come ha gestito la sua malattia. Ho combattuto per molte cose nella mia vita, ma niente di così difficile come quello che Keischa ha combattuto per poter vivere “.

E’ stata la chirurgia, la chemio e le radiazioni – o la cannabis?

Due anni dopo l’intervento chirurgico per rimuovere il grande tumore dal suo lobo frontale, Keischa è l’immagine della salute. L’ho incontrata per la prima volta nell’estate del 2018 durante una visita al mio dispensario locale, dove lavora come budtender. Non potei fare a meno di notare la sua testa calva e la grossa cicatrice sulla sua corona. Non mi ero reso conto che la stavo fissando.

“Ho avuto un tumore al cervello rimosso”, mi ha detto Keischa con un grande, bellissimo sorriso. “Qual è la tua prognosi?” Ho chiesto. “Molto buona. Il glioblastoma è stato rimosso, ma i miei medici lo stanno ancora trattando in modo molto aggressivo con la chemioterapia e le radiazioni. Fumo anche un sacco di erba, come te », mi disse con un sorriso.

“Pensi che sia solo la chirurgia, la chemioterapia e le radiazioni a curarti, o pensi che la cannabis stia giocando una parte importante?” Le chiesi.

“All’inizio lo usavo solo per gli effetti collaterali, ma ora non ne sono così sicura”, mi ha detto Keischa. “Anche se credo che quello che stanno facendo i medici sia tenermi in vita, dopo aver iniziato a usare la cannabis, non stavo vivendo, ero divenuta nuovamente fiorente. Quindi, chi lo sa.”

Studi che esaminano la cannabis come trattamento per glioblastoma

Nel febbraio 2018, il National Institute of Health ha pubblicato un documento dal titolo ” Lo stato attuale e prospettive future dei cannabinoidi in biologia del cancro “, affermando l’inestimabile beneficio della cannabis nelle cure palliative e il sollievo che offre per gli effetti collaterali della chemioterapia e radiazione. Tuttavia l’interesse pubblico e scientifico ha richiesto studi per vedere cosa può fare la cannabis al di là delle cure palliative, quindi l’NIH ha iniziato ad analizzare i dati raccolti negli ultimi 10 anni. Dalla carta:

L’espressione sovraregolata dei recettori CB e i livelli elevati di endocannabinoidi sono stati osservati in una varietà di cellule tumorali. … Ci sono rapporti che indicano che un’attivazione dei recettori dei cannabinoidi può compromettere lo sviluppo del cancro e quindi la segnalazione endocannabinoide può essere antitumorigenica.

BioCeuticals: vedere i ritorni anticipati positivi per lo studio sul cancro alla cannabis

Nel 2018, la società australiana BioCeuticals ha iniziato la seconda fase di uno studio randomizzato in doppio cieco per valutare i risultati dell’uso della cannabis per curare glioblastomi. Il processo è stato supervisionato dal neurochirurgo di fama internazionale Dr. Charlie Teo e dal Dr. Janet Schloss del Endeavour College of Natural Health. Dopo il completamento dello studio, i pazienti parteciperanno a due o quattro anni di follow-up.

Il primo paziente a completare il processo è stato Elizabeth Coady della Tasmania, a cui fu diagnosticato il glioblastoma nel maggio 2018. Quando entrò nel programma nel dicembre 2018, il suo cancro era già progredito allo stadio 4; infatti, i medici avevano trovato tre nuovi tumori tra i mesi di novembre e dicembre. Entro tre settimane nel processo, tutte le convulsioni di Coady si erano attenuate. Quando ha completato il processo il 1 ° marzo 2019, i suoi tumori esistenti si erano ridotti e non sono stati rilevati altri tumori. Nel riassunto delle esperienze di Coady nel processo, gli autori osservano che “il trattamento le ha dato speranza per il futuro”.

La combinazione vincente di cannabis e una dieta pulita

Gli americani per l’accesso sicuro sono (come recita lo slogan) nel movimento per “promuovere la terapia e la ricerca sulla marijuana medica legale”. Il coordinatore degli affari regolatori dell’organizzazione Sean Khaleperi mi ha indirizzato alla dottoressa Debra Kimless, che ha lavorato con pazienti affetti da cancro per molti anni . È un’anestesista certificata, una specialista in antidolorifici e direttore medico specializzato in medicina dello stile di vita con ForwardGro . La dottoressa Kimless non accetta denaro in cambio del consiglio che offre a quelli con il cancro che sentono di non avere altra scelta.

“Nel 2016, mi sono curata di una donna che stava andando all’ospedale per cure palliative e gli sono stati dati solo pochi giorni di vita”, mi ha detto la dottoressa Kimless. “Non ero sicura di poterla aiutare, ma ho voluto provare. Le ho detto di rinunciare a tutti gli alimenti a base di carne, latticini e prodotti trasformati. Le ho suggerito di provare a microdosare . La paziente non aveva nulla da perdere, quindi ha preso tutti i miei suggerimenti alla lettera”.

“Questo è stato tre anni fa, e il paziente non è solo vivo, ma da allora è stata libera dal cancro.”

Ho chiesto alla dottoressa Kimless se fosse la sola cannabis a essere responsabile del cambiamento – lei crede che fosse una combinazione di cose.

“Gli americani pensano a tutto in termini di:” Se una cosa è buona, più ne hai meglio è”, ma guardo la pianta in questo modo: non abbiamo bisogno di fare confusione con ciò che Madre Natura fa da sola. Se un ceppo ha naturalmente X percentuali di THC, CBD, CBG, ecc., così come le forme acide dei cannabinoidi, perché produciamo estratti che contengono doppi, tripli e più cannabinoidi? Non è necessario “migliorare” ciò che la natura fa da sola.

“Inoltre, carne e latticini e alimenti trasformati sono altamente acidi nei nostri corpi, che sopprimono il sistema immunitario e ci rendono sensibili a tutti i tipi di malattie, incluso il cancro. Una dieta ricca di cibi che aumentano il pH del nostro corpo – una dieta completamente vegetale – non è un ambiente ospitale per il cancro. “

In questo video, la dott.ssa Kimless parla di alcuni casi studio dei suoi pazienti che hanno fatto bene con il regime di modifica della dieta / microdosaggio.

Spoiler: L’uomo di 69 anni con un glioblastoma è passato dall’avere più attacchi al giorno ed essere così letargico da non riuscire a svolgere compiti quotidiani senza assistenza ad una migliore condizione. Entro due giorni dall’inizio di un olio di cannabis a basso dosaggio in combinazione con una dieta a base di cibi integrali, il tumore si è ristretto. Una settimana dopo, era tornato al computer e stava svolgendo attività quotidiane da solo.

Standard Care vs. Cannabis

Il Dr. Parth Mehta è direttore del programma di oncologia presso i Centri per il cancro e l’ematologia dei bambini in Texas . Ho chiesto il suo pensiero sul ruolo che la cannabis può svolgere nel trattamento del cancro.

“La cannabis come terapia per il cancro non è ben studiata in questo momento, quindi non sappiamo molto sulla sua attività anti-tumorale o su quali tumori in particolare possa avere efficacia contro”, ha detto il dott. Mehta. “Il cancro è spesso pensato come una singola malattia, ma in realtà è un gruppo di malattie. Curare il cancro in una capsula di Petri è molto facile, ma farlo in studi sugli animali e poi alla fine gli studi clinici sull’uomo è completamente diverso. “

Se gli studi dimostrassero che la cannabis potrebbe aiutare a ridurre i tumori, voi ed il Centro per i tumori e l’ematologia dei bambini del Texas dovreste prendere in considerazione l’uso?

“Assolutamente. L’oncologia pediatrica come specialità ha visto un incredibile successo negli ultimi 40 anni grazie a studi clinici condotti correttamente “, ha spiegato il dott. Mehta. “Se la cannabis ha dimostrato di essere attiva contro diversi tumori in laboratorio, dovrebbe essere utilizzata in studi clinici cooperativi. L’importanza di studiarla sistematicamente non può essere sopravvalutata. Ma se fosse stato trovato efficace, non ci sarebbe alcuna ragione per cui immagino di non usarla per aiutare i pazienti. “

Quanto a se Keischa e altri hanno superato l’aspettativa di vita di un paziente tipico di glioblastoma grazie alla sola cannabis non è chiaro. Tuttavia, chiaramente non può essere neanche respinto.

Per coincidenza, Keischa aveva rinunciato alla carne da sola prima della sua diagnosi – e ciò sembra aver avuto un ruolo importante nella sua salute. Come mi ha detto Keischa, “Preferisco mangiare verdure. Non mi è mai piaciuta la carne. “

cannabis del cancro

(Foto per gentile concessione di Keischa N. Quiles Mercado)

E forse i miglioramenti di Keischa risalgono al suo contagioso zelo per la vita.

“Il mio ottimismo per la vita è molto diverso da tutto”, mi ha detto. “Penso che la vita possa finire in un batter d’occhio, e per questo motivo dobbiamo concentrarci sulla vita e dimenticare un po’ di diagnosi. Dobbiamo vivere la vita e non permettere altro che al nostro ottimismo di prendere decisioni per noi. Cerco sempre di essere una fonte di energia positiva. Dico alla gente di non lasciare che una diagnosi di cancro cambi la loro vita.”

“Il cancro è solo una fase in cui dobbiamo combattere senza riposo, quindi il trucco è combattere con fermezza e prendere tutto giorno per giorno. E, soprattutto, non mollare mai. “

Fonte: BigBudsMag

(Visited 400 times, 2 visits today)
Trovi interessante questa notizia?
639 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *