Associazione FreeWeed Board Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis
Movimento Sociale e Politico per la Liberalizzazione della Cannabis

CBD sintetico efficace nell’uccidere i batteri resistenti ai farmaci

Una nuova ricerca pubblicata dall’Università del Queensland (UQ) in Australia mostra che il cannabidiolo sintetico (CBD) può uccidere i batteri Gram-negativi che causano la gonorrea, la meningite e la malattia del legionario. La ricerca potrebbe portare ai primi nuovi antibiotici per batteri resistenti in 60 anni.

Per leggere l’articolo completo, registrati gratuitamente su freeweed.it
Se sei già registrato, fai login e l’articolo comparirà di seguito.

Il dottor Mark Blaskovich, professore associato presso l’UQ Institute for Molecular Bioscience’s Associate, ha affermato che alcuni batteri Gram-negativi possiedono una membrana esterna extra che impedisce agli antibiotici di sfondare. La nuova ricerca mostra che il CBD è efficace nell’abbattere i biofilm, accumuli viscidi di batteri, che aiutano i microrganismi come l’MRSA a sopravvivere al trattamento antibiotico. Un precedente studio del dott.Blaskovich aveva suggerito che un giorno il CBD avrebbe potuto essere usato come antibiotico, ma all’epoca non era efficace contro i batteri Gram-negativi.

“Il cannabidiolo ha mostrato una bassa tendenza a causare resistenza nei batteri anche quando abbiamo accelerato il potenziale sviluppo aumentando le concentrazioni dell’antibiotico durante il ‘trattamento'”, ha affermato il professor Mark Blaskovich dell’UQ Institute for Molecular Bioscience . “Pensiamo che il cannabidiolo uccida i batteri facendo scoppiare le loro membrane cellulari esterne, ma non sappiamo ancora esattamente come lo faccia e abbiamo bisogno di ulteriori ricerche.

Lo studio è stato condotto in collaborazione con Botanix Pharmaceuticals. Il dottor Blaskovich ha affermato che la collaborazione ha portato ad accelerare la ricerca, poiché Botanix ha contribuito all’esperienza di formulazione che ha portato alla scoperta di come le differenze nella somministrazione del CBD facciano la differenza nella sua efficacia nell’uccidere i batteri. La collaborazione ha portato Botanix a far progredire una formula topica di CBD in sperimentazioni che decolonizzano l’MRSA prima dell’intervento chirurgico. “I dati pubblicati stabiliscono chiaramente il potenziale degli antimicrobici CBD sintetici”, ha affermato il presidente e presidente esecutivo di Botanix Vince Ippolito . “La nostra azienda è ora pronta a commercializzare trattamenti antimicrobici praticabili, che speriamo raggiungeranno più pazienti nel prossimo futuro. Questa è una svolta importante di cui il mondo ha bisogno adesso “.

 522 Visualizzazione Totali,  1 Visualizzazioni di Oggi

likeheartlaughterwowsadangry
0

Lascia un commento

Ti piace il nostro lavoro informativo? Aiutaci a diffondere il messaggio!