Cannabis utile contro le Allergie

Secondo la ricerca se si soffre di allergie la cannabis può ridurre i sintomi proprio come qualsiasi altro farmaco anti-allergia.

Le allergie si verificano quando il tuo corpo attacca gli invasori percepiti come dannosi che in realtà non sono dannosi. I più comuni sono polvere, polline e peli di animali domestici . Il corpo innesca una risposta immunitaria anche se questi non sono pericolosi agenti patogeni.

Riduzione dell’istamina con cannabinoidi e terpeni 

Le istamine sono il buttafuori per il tuo corpo. Queste ti fanno lacrimare, starnutire, il tutto nel tentativo di sbarazzarsi degli invasori percepiti. 

Anticorpi speciali, chiamati IgE, innescano la risposta istaminica comune alle persone che soffrono di allergie. Prevenendo il rilascio di istamina, si possono ridurre i sintomi di allergie. Questa è la modalità di azione per la maggior parte dei farmaci anti-allergia da banco.

Uno studio del 2009 ha rilevato che i cannabinoidi compromettono l’attivazione delle cellule T (un tipo di globuli bianchi) nei topi. Ciò è positivo perché l’ attivazione della T-Cell aumenta le risposte degli anticorpi, che quindi aumentano l’istamina e le reazioni allergiche. Riducendo l’attivazione delle cellule T, i cannabinoidi potrebbero ridurre i sintomi di allergia.

istamina, cannabis, cannabis medica, allergie, risposta allergica, CBD, THC, cannabinoidi

Secondo la ricerca, non sono solo i cannabinoidi possono aiutare. Anche i terpeni possono ridurre i sintomi allergici. Uno studio del 2014 ha rilevato che il terpene α-pinene potrebbe aiutare a ridurre i livelli di anticorpi, almeno nei topi. 

I topi che hanno ricevuto il terpene si sono strofinati gli occhi, il naso e le orecchie di meno, il che indicava la riduzione dei sintomi allergici. I topi hanno anche mostrato cambiamenti fisiologici, come livelli di IgE nasali significativamente più bassi. 

Un altro studio del 2005 ha dimostrato che la cannabis potrebbe prevenire una risposta istaminica sopprimendo l’attivazione dei mastociti. Il tessuto connettivo contiene mastociti, che attivano il rilascio di istamina quando attivato.

Sembra, almeno secondo questi studi, che cannabinoidi e terpeni possano modulare il rilascio di istamina e quindi, in teoria, ridurre i sintomi allergici. Grandi novità per chi lotta con le allergie stagionali!

Asma allergico e cannabis

Uno studio del 2009 ha dimostrato che il THC potrebbe ridurre l’asma allergico e altre risposte infiammatorie che ostruiscono le vie respiratorie.

La risposta immunitaria attivata da citochine è mitigata dalla cannabis che è ricca di THC. Le cellule del sistema immunitario secernono citochine come messaggeri chimici che corrono verso la cellula successiva per avvertire dell’attacco. La secrezione di citochine è fondamentale in quasi tutti gli stadi della risposta immunitaria degli allergeni.

Tieni presente che fumare cannabis molto probabilmente non aiuterà. L’inalazione di fumo è nota per esacerbare i sintomi di asma e altre condizioni che influenzano la respirazione. Quindi, se stai lottando con l’asma, potresti prendere in considerazione un olio, i prodotti alimentari e persino un inalatore di cannabis !

Infiammazione e allergie

L’infiammazione gioca un ruolo cruciale nelle risposte allergiche. E, è ben documentato che la cannabis, in particolare il cannabinoide CBD, riduce l’infiammazione. Il CBD raggiunge questo attraverso l’attivazione indiretta del recettore CB2 .

Ricercatrice, la dott.ssa Sue Sisley conduce processi umani controllati sugli effetti della cannabis. Spiega che l’infiammazione “si riferisce certamente alle allergie.” Prosegue spiegando che nel ridurre l’infiammazione, è probabile che ridurremo i sintomi classici di allergie, come prurito e orticaria.

L’infiammazione è associata ad allergie. La cannabis riduce l’infiammazione. Pertanto, la cannabis riduce potenzialmente i sintomi allergici indotti dall’infiammazione.

In teoria, questo ha senso, ma non abbiamo ancora prove controllate per verificare se questo è vero. 

istamina, cannabis, cannabis medica, allergie, risposta allergica, CBD, THC, cannabinoidi, polline

Il THC potrebbe prevenire reazioni cutanee allergiche

Il THC può anche aiutare con reazioni cutanee allergiche. Secondo uno  studio del 2007, i farmaci a base di THC riducevano le risposte allergiche nella pelle. THC sintetico è stato applicato sulla pelle di topi che soffrivano di gravi allergie cutanee. Il corpo dei roditori ha risposto riducendo la risposta delle citochine. Questo, a sua volta, aiuta a gestire arrossamenti e gonfiore nel sito di risposta allergica. 

In conclusione, ci sono molti studi su animali che suggeriscono che la cannabis può aiutare a ridurre la risposta allergica. Tuttavia, per trarre conclusioni definitive sulle persone, dovremo aspettare che le prove umane siano complete. 

Trovi interessante questa notizia?
166 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *